Dal Napoli alla Juventus, giù la maschera: “Il primo della lista”

0
66

La Juventus è già proiettata al futuro. Tanti cambiamenti in vista per la società bianconera a livello dirigenziale ma non solo.

Presto si insedierà un nuovo gruppo di dirigenti che prenderà il posto del dimissionario cda e del presidente Agnelli. Tanto lavoro da fare per far sì che la Juventus possa essere competitiva in Italia e in Europa, con i conti economici a posto. Chiaramente poi ci sono le questioni di campo.

Dal Napoli alla Juventus, già la maschera: "Il primo della lista"
La Juventus in campo @LaPresse

La formazione di Allegri non fa mistero di voler puntare allo scudetto e non potrebbe essere altrimenti. Una società come la Juventus deve sempre e comunque pensare di poter vincere nelle competizioni in cui impegnata e nel 2023 non si farà eccezione. Ci sono buone chance di inserirsi nella lotta per lo scudetto e magari anche di puntare all’Europa League. Attenzione però a quanto potrebbe accadere nei prossimi mesi anche in chiave mercato.

Juventus, Giuntoli nome caldo per lo staff dirigenziale

Il calciomercato dei bianconeri non riguarderà solamente calciatori. Come detto c’è la necessità anche di rinnovare l’organico dirigenziale e uno dei nomi caldi è quello di Cristiano Giuntoli, attualmente direttore sportivo del Napoli di Luciano Spalletti.

Dal Napoli alla Juventus, già la maschera: "Il primo della lista"
Giuntoli, direttore sportivo del Napoli @LaPresse

Che i bianconeri siano interessati a lui lo ha confermato anche il giornalista Alfredo Pedullà nel corso della trasmissione “Sportitaliamercato”. “Nella testa della dirigenza juventina quello di Giuntoli è il nome in cima alla lista – ha spiegato – e per vari motivi. Il modo di fare mercato, la personalità, la capacità di rispondere con i fatti alle critiche. E’ chiaro che possano aspettare l’evolversi della situazione che si è creata con le plusvalenze, anche se potrebbe poi esser tardi visto che Giuntoli ha ancora con il Napoli un altro anno e mezzo di contratto”. Parole che in ogni caso confermano come la Juventus abbia un alto tasso di gradimento nei confronti del dirigente.