Calciomercato Juventus, la formula che accontenta tutti: pazzo ritorno

0
101

Calciomercato Juventus non è ancora finita: il suo rapporto con l’ambiente potrebbe contribuire a delineare nuovi scenari.

Nelle ultime uscite stagionali la Juventus ha ritrovato un’ottima compattezza difensiva. Merito anche della crescita esponenziale del centrocampo, in grado di dare più filtro ed imprevedibilità alla manovra.

Juventus-Udinese, finale thriller: furia Allegri, provvedimento immediato
Allegri con il premio di allenatore del mese ©️LaPresse

Le attenzioni di Cherubini in chiave di calciomercato, però, non potranno non essere rivolte alla zona nevralgica del campo. Rabiot non ha ancora sciolto le riserve sul suo futuro, con la “Vecchia Signora” intenzionata a stuzzicare l’entourage del francese con un’offerta contrattuale importante. Anche il futuro di Mckennie, del resto, è un rebus ancora tutto da sciogliere, e non sono esclusi nuovi colpi di scena. La Juventus non considera incedibile il texano, che a fronte di un’offerta importante potrebbe dunque fare le valigie. Via vai in mediana nel quale la Juve non smette di seguire Milinkovic Savic, ma allo stesso tempo vaglia con solerzia anche altre piste.

Calciomercato Juventus, colpo di scena De Paul: lo scenario

Un nome sempre spendibile in ottica Juventus è quello di Rodrigo De Paul. Il centrocampista argentino in forza all’Atletico Madrid potrebbe fare le valigie già in estate, anche perché non è stato in grado di ritagliarsi quello spazio che i Colchoneros si auspicavano. Accostato a Juventus e Milan, l’ex mezzala dell’Udinese salvo clamorosi colpi di scena a gennaio non dovrebbe trasferirsi in Serie A.

Calciomercato Juventus, effetto Mondiale: il tris che fa sognare Allegri
Rodrigo De Paul con la maglia della nazionale

Secondo quanto riferito da MARCA, dunque, l’idea degli spagnoli è quella di provare ad ottenere il massimo dal calciatore per il resto della giornata, salvo poi decidere di mettere sul mercato. Un buon compromesso, dunque, per provare a recuperare una buona parte dei 36 milioni di euro investiti un anno e mezza fa. Chiaramente il tutto senza escludere a priori un’offerta immediata che possa far saltare il banco già nell’immediato. Nel caso in cui dovesse arrivare a stretto giro di posta una richiesta importante, ecco che il bandolo della matassa potrebbe essere trovata con la formula del prestito con diritto di riscatta.