Doppio blitz e Juve KO, accordo trovato: Inter coinvolta

0
8628

Calciomercato Juventus, il blitz è doppio e manda i bianconeri KO. Anche l’Inter è coinvolta in questo intreccio di mercato

Nella giornata di ieri vi abbiamo parlato della possibile offerta del Chelsea. Oggi confermiamo l’offerta della squadra allenata da Potter che però potrebbe avere una concorrente importante che non è la Juventus.

Doppio blitz e Juve KO, accordo trovato: Inter coinvolta
Allegri ©LaPresse

Infatti ci sarebbe un’altra squadra della Premier League, il Manchester United, che avrebbe chiesto l giocatore di non affrettare i tempi, nonostante lo stesso, secondo quanto riportato da RMC SPORT, avrebbe trovato un accordo per i prossimi cinque anni con i Blues. Ma lui a quanto pare fretta non ne, e Malo Gusto attenderà qualche giorno, o forse anche la fine della stagione, per prendere una decisione definitiva e decidere dove andare dopo aver chiuso la sua esperienza a Lione. Il club francese lo vorrebbe tenere fino al termine dell’annata e non è detto che non riesca nel proprio intento. Ma questo potrebbe tenere in corsa la Juve? Difficile perché senza Champions League prendere i migliori è quasi impossibile.

Calciomercato Juventus, il Chelsea non molla Dumfries

In tutto questo il Chelsea non molla Dumfries secondo i francesi, avendo capito che la strada per Malo Gusto si potrebbe complicare. Una complicazione che la Juve guarda con interesse, sperando di vincere il ricorso e rientrare in corsa per una qualificazione alla massima competizione europea, o magari vincere l’Europa League che permetterebbe di staccare il pass e soprattutto finire anche in prima fascia.

Doppio blitz e Juve KO, accordo trovato: Inter coinvolta
Malo Gusto ©LaPresse

La situazioni quindi al momento è questa. Con una società, quella del presidente Ferrero, che cercherà principalmente di difendersi nelle sedi opportune dopo la penalizzazione e poi cercherà di chiudere qualche operazione di mercato. A giugno ovviamente, per ora è impossibile pensare di destinare delle risorse economiche per degli innesti che francamente possono ben poco vedendo l’attuale classifica della Serie A.