Panchina bollente alla Juventus: tris di nomi per il dopo Allegri

0
68

Panchina bollente alla Juventus: il futuro di Allegri è ancora tutto da decidere. C’è il tris di nomi per sostituire il livornese

Il futuro di Massimiliano Allegri è ancora tutto da decidere. Sì, ancora non sappiamo se il livornese, anche la prossima stagione, sarà il trainer della Juventus. In questo momento della stagione sono troppe le cose in ballo: sia sotto l’aspetto sportivo, sia sotto quello che va oltre. E, senza dubbio, un resoconto, verrà fatto alla fine della stagione.

Panchina bollente alla Juventus: tris di nomi per il dopo Allegri
Allegri (Lapresse) – Juvelive.it

Anche perché lo stipendio di Max è bello pesante. Sono 9 i milioni di euro all’anno che il toscano percepisce e che dovrebbe percepire fino al 2025. Insomma, sotto questo aspetto lui si sente e anche giustamente blindato. Ma la Juventus delle considerazioni le dovrà per forza fare, soprattutto se dai processi dovessero arrivare delle notizie negative. Nel corso di questi mesi di nomi ne sono stati fatti tanti. E andiamo a vedere quelli che potrebbero essere gli scenari futuri.

Panchina bollente alla Juventus, tutti i nomi

Partiamo da quelli che sono i sogni: uno è sicuramente Zidane. L’altro invece è Antonio Conte. Il primo dopo l’esperienza al Real Madrid è ancora in attesa della chiamata giusta; l’altro è appena andato via dal Tottenham e cerca senza dubbio un’esperienza in Italia. Difficile, però, che possano essere presi dalla Juve.

Panchina bollente alla Juventus: tris di nomi per il dopo Allegri
Tudor (Lapresse) – Juvelive.it

Nel corso dell’ultimo periodo si è parlato anche di Gasperini. Il tecnico dell’Atalanta che lì, a Bergamo, ha raggiunto dei grandi risultati, potrebbe entrare in questa lista di nomi. Ce n’è uno, però, che al momento stuzzica più di tutti la dirigenza della Juventus: parliamo di Tudor che prima di passare al Marsiglia – dove sta facendo benissimo – è già stato accostato alla Vecchia Signora. Il croato, che conosce l’ambiente, potrebbe essere il vero colpo a sorpresa della dirigenza piemontese per il prossimo anno. Ma tutto, ovviamente, dipenderà da Allegri. Ma in pole, ora, c’è il “francese” come possibile sostituto.