La Juve ritorna su un vecchio “pallino”

0
59

La Juve ritorna su un vecchio “pallino” e rimane sempre in attesa delle decisioni della UEFA che imprimeranno un ulteriore svolta nel mercato bianconero. 

La Juventus è in fibrillazione. Il nemico Ceferin, presidente della UEFA, sembra che stia provando un piacere particolare a tenere sulla corda la società bianconera. La Juventus sarà esclusa dalla Conference League a favore della Fiorentina, oppure no?

Massimiliano Allegri. La Juve ritorna su un vecchio "pallino"
Massimiliano Allegri (Foto ANSA juvelive.it)

Il rischio è che la UEFA superi il limite di metà luglio e che pertanto le eventuali sanzioni inflitte alla società bianconera vadano poi ad impattare sulla prossima stagione quando le qualificazione alla Champions League diventerà di vitale importanza per la Juventus. Essere o meno in Conference League inciderà anche in parte sul mercato, dal momento che una mancata partecipazione alla competizione europea potrebbe permettere a qualche giovane elemento di essere ceduto in prestito per poter acquisire altrove il necessario minutaggio.

Intanto dalle parti della Continassa proseguono le valutazioni da parte dei dirigenti bianconeri. Particolare attenzione è rivolta alle corsie esterne. Agli addii di Di Maria e Cuadrado potrebbe presto aggiungersi anche quella di Alex Sandro. L’arrivo dell’americano Weah è soltanto il primo tassello in tal senso, altri ne arriveranno. Tra i profili che Cristiano Giuntoli sta seguendo con particolare attenzione vi è Emil Holm, esterno dello Spezia.

Ma in casa Juventus non si è mai dimenticato un vecchio “pallino”, sfuggito dalle mani della società bianconera durante la sessione di mercato della scorsa estate. Di chi si tratta?

La Juve ritorna su un vecchio “pallino”

La dirigenza bianconera sta monitorando la situazione di un calciatore che fino alla scorsa estate ha militato in Serie A, essendo di proprietà dell’Udinese. Poi il suo passaggio all’Atletico di Madrid ha vanificato ogni tentativo della società bianconera.

Eccolo il "vecchio pallino" bianconero
Nahuel Molina (Foto ANSA juvelive.it)

Nahuel Molina, 25enne esterno argentino, è stato infatti a lungo seguito dall’allora direttore sportivo bianconero, Federico Cherubini. La stagione appena conclusa ha mostrato ancora una volta tutte le qualità del giocatore argentino che, nel frattempo, è anche diventato Campione del Mondo con la nazionale albiceleste. Pertanto trattasi di un profilo di assoluta qualità e di garantito rendimento.

Le casse dell’Atletico Madrid non traboccano certo di denari, così come quelle della Juventus e pertanto si potrebbe intavolare una trattativa sulla base dei 20 milioni di euro più bonus pagati dal club spagnolo all’Udinese la scorsa estate per accaparrarsi il forte esterno. Nella miriade di voci e tentazioni che il mercato offre a ogni istante, Nahuel Molina rappresenta un profilo decisamente interessante.

Occorrerà poi vedere se l’esterno argentino di Simeone sia anche raggiungibile. Di sicuro Cristiano Giuntoli e Giovanni Manna le proveranno tutte.