Carlos Tevez (getty images)
Carlos Tevez (getty images)

 

TEVEZ JUVENTUS – Carlos Tevez, intervistato durante il programma di Italia 1 ‘Tiki Taka’ ha parlato delle sue origini in un quartiere malfamato di Buenos Aires, che alla fine si è rivelato la sua fortuna. Ecco lacune delle sue parole: ”Il Barrio mi ha insegnato cos’è la vita, è l’essenza di quello che sono – riporta Sportmediaset – Credo di aver avuto fortuna o un Dio personale per essere così oggi. Il mio sogno era quello di giocare a calcio e mi sono dedicato solo a questo. Nel Barrio c’era un pallone di stracci, mi ricorderò sempre che non aveva il cuoio, era solo fatto con la parte interna. La povertà e le altre cose brutte restavano fuori. Se oggi mi dicessero di andare a giocare una partita a Fuerte Apache, me la gusterei più di qualunque altra. Il barrio mi manca, anche oggi sono quello che ero nel mio quartiere, non sono cambiato. I segni sulla faccia? Un uomo è quello che ha dentro. Papa Francesco? Con lui vorrei parlare della mia infanzia. Mi farebbe felice”.

Marco Orrù

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK