Monchi Totti © Getty ImagesAndrea Agnelli ha recentemente dichiarato di puntare alla Champions League. Il messaggio lanciato dal presidente della Juventus a staff e giocatori è dunque forte e chiaro: l’obiettivo è l’Europa. Intervistato nel corso dell’evento ‘Gazzetta Sports Awards’, la leggenda della Roma Francesco Totti ha individuato un giusto compromesso che accontenti giallorossi e bianconeri: “È più facile che la Roma vinca lo scudetto o la Juventus la Champions? Spero che succedano entrambe le cose”. A proposito di Champions, Totti ha poi parlato della sfida con gli ucraini dello Shakhtar Donetsk: “Contro lo Shakhtar sarà una gara da 50 e 50”.

Juventus, Totti vuole lo scudetto

Il sogno nel cassetto dell’ex capitano giallorosso si chiama scudetto: “Un mio erede al momento non c’è, spero che arrivi. In certi momenti vorrei ancora scendere in campo. Subito lo scudetto da dirigente? Non è semplice, ma penso che prima o poi ci riuscirò”. Totti ha poi elogiato il sorprendente Eusebio Di Francesco, che ha convinto tutti in questi primi mesi da allenatore della Roma: “Di Francesco lo conoscevo come uomo, come allenatore non credevo fosse così bravo, ha grandissimi margini di miglioramento. Abbiamo trovato un grande allenatore. Se ci fosse stato lui l’anno scorso? Forse il mio addio sarebbe stato meno traumatico, avrebbe capito meglio modi e tempi rispetto a Spalletti“. Un commento, infine, sul recente esonero di Montella dalla panchina del Milan: “Vedere Gattuso allenare il Milan fa un certo effetto ma se lo merita e mi auguro che possa fare bene. Mi è dispiaciuto per Vincenzo, che è un amico ma il calcio è anche questo ed è bello anche per questo“.