Home Calciomercato Juventus Marchisio vuole chiudere la sua carriera alla Juventus, proprio lì dove tutto...

Marchisio vuole chiudere la sua carriera alla Juventus, proprio lì dove tutto ebbe inizio

Marchisio Juventus calciomercato
Claudio Marchisio ©Getty Images

A fine stagione si parlerà del futuro di Marchisio alla Juventus: il centrocampista bianconero chiederà a Marotta di restare fino alla scadenza del contratto. 

Nel suo futuro Claudio Marchisio vede ancora la Juventus. Il centrocampista torinese ha passato tutta la sua vita in bianconero, fin dal primo calcio tirato ad un pallone. Dopo la lunga trafila nel settore giovanile è diventato uno dei cardini della squadra capace di vincere, fino a questo momento, sei scudetti consecutivi. In questa stagione il suo apporto è stato meno decisivo, la sua presenza in campo drasticamente diminuita e il suo rendimento molto incostante. Sono sempre più insistenti le voci che parlano di un suo addio alla squadra bianconera alla fine di questo campionato e che lo inseriscono tra i protagonisti del prossimo calciomercato Juventus.

Nelle intenzioni di Marchisio, però, questa non è un’alternativa possibile. Il numero 8 bianconero ha voglia di continuare la sua storia alla Juventus fino alla fine dell’ultimo contratto che lo lega alla società campione d’Italia fino al giugno 2020, quando avrà 34 anni. Con ogni probabilità questa si prospetta come l’ultima esperienza della sua carriera, di una vita tutta juventina che merita un finale migliore riservato ad altri eminenti protagonisti bianconeri.

Il dna bianconero di Marchisio: un esempio per i futuri acquisti della Juventus

Marchisio è convinto di poter dare ancora molto alla sua squadra, nonostante quest’anno abbia collezionato solo 17 presenze senza nessuna rete all’attivo. Sembrano lontanissimi anni luce i tempi in cui aveva raggiunto la quota record di 52 partite giocate e aveva firmato 3 reti. Ora il centrocampista della vecchia guardia bianconera si è sacrificato per fare spazio ai titolari che Allegri gli preferisce: Khedira e Pjanic. Ma il suo apporto può ancora essere utilissimo, specialmente nella trasmissione dei valori propri della Juventus a tutte le nuove pedine che andranno a comporre la rosa del prossimo anno, come il suo collega di reparto Emre Can, che sarà a Torino a fine stagione. Nel dna juventino del Principino c’è tutta la mentalità vincente che servirà ai nuovi bianconeri per raggiungere i traguardi del futuro.

Alessandra Curcio

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK