Sfida scudetto, Benatia: “Quest’anno in tanti aspettano che la Juve cada”

0
127

BENATIA DUELLO JUVE NAPOLI/ Medhi Benatia è diventato un elemento affidabile con Massimiliano Allegri. Dopo alcune stagioni altalenanti il difensore marocchino, a Vinovo in questi giorni con la sua Nazionale, ha acquistato mentalità vincente fin dal suo arrivo a Torino come lui stesso ha svelato in una lunga intervista ai microfoni di “Tuttosport”: “Ho trovato una mentalità diversa rispetto alle altre squadre in cui ho giocato. All’inizio è un percorso in salita perché richiede tanto sacrificio dover dare tutti i giorni il 110 per cento, ora mi trovo bene. Alla Juve non ti chiedono di essere bello, di fare le giocate, ma di vincere, questa è la mentalità del club che io ho cercato di trasferire anche nel mio Marocco“.

Il centrale della Juventus ha, poi, ringraziato il club bianconero per l’ospitalità: “Sono veramente orgoglioso di aver portato i miei compagni di nazionale dove mi alleno tutti i giorni. Ringrazio Marotta e la Juve per il grande rispetto nei miei confronti: non è consentito a tutti lavorare qui. Stiamo attenti a non rovinare nulla in palestra. Però abbiamo portato più allegria perché è nella nostra mentalità avere musica a palla negli spogliatoi”.

Sfida scudetto, la certezza di Benatia

Difensore Juventus
Benatia © Getty Images

Medhi Benatia, infine, ha concluso l’intervista svelando gli obiettivi stagionali: “Non c’è altro di meglio che provare a vincere tutto, non solo il campionato, ma arrivare fino in fondo in Champions e in Coppa Italia dando il 101 per cento per prepararsi a Russia 2018. Che primavera sarebbe arrivare a marzo senza nessun obiettivo? In questo momento non penso al Mondiale: non ci ho dormito neppure la notte a novembre, dopo lo spareggio, adesso penso solo agli obiettivi del club. E se voglio fare un buon Mondiale il tutto passa attraverso la Juve: la priorità è lo scudetto, quest’anno in tanti aspettano che la Juve cada ma noi siamo sempre lì. E poi c’è la Champions che fa gola non solo a noi ma ai tanti tifosi bianconeri”.