La Juventus è uscita dalla Champions League, ieri sera, contro l’Ajax dopo il doppio confronto che ha sorriso agli olandesi. Il crollo bianconero è, però, soprattutto di natura economica.

Juventus Andrea Agnelli, Crollo

L’eliminazione cocente, ai quarti di finale di Champions League, si sta abbattendo sulla Juventus, sia sul campo che fuori. I bianconeri, infatti, a causa dalla sconfitta contro l’Ajax stanno vedendo un crollo economico, tra incassi e borsa, vertiginoso che potrebbe ripercuotersi sul calciomercato. Bisognerà, infatti, capire come la proprietà devierà la situazione con le varie trattative.

Juventus, dal punto di vista economico c’è il crollo

La Juventus è uscita dalla Champions League contro l’Ajax di Erik ten Hag, dopo l’1-2 all’Allianz Stadium che ha sancito il passaggio del turno per gli olandesi. La gara è stata dominata, nel primo tempo, dai bianconeri che subito dopo il vantaggio hanno subito il pareggio degli avversari. Nel secondo tempo, poi, la trama della gara è cambiata e i lancieri hanno imposto il loro gioco, dominando in lungo e in largo la squadra bianconera.

Questa eliminazione, però, non fa male solo dal punto di vista sportivo alla Juventus, perché le brutte notizie arrivano anche dal lato economico. Il titolo in borsa, infatti, ha perso fino al 24% ora, come riporta TuttoMercatoWeb, la perdita si assesta sul 18% che resta una cifra importante. Senza contare, poi, i mancati incassi per il cammino in Champions League.

Siamo stati selezionati da Google News come sito accreditato, seguici sempre con un CLICK