Criscitiello: «In Serie C e D almeno 10 tecnici più preparati di Pirlo. Scommessa?»

0
24

Duro attacco del giornalista Michele Criscitiello ad Andrea Pirlo: «Scommettiamo che tra terza e quarta serie troviamo almeno 10 allenatori più preparati di lui?».

Continuano le rimostranze sull’incarico conferito ad Andrea Pirlo alla Juventus. Stavolta è il turno di Michele Criscitiello, volto noto di Sportitalia. Per il portale tuttomercatoweb ha scritto un editoriale destinato a far discutere e molto. Specialmente in casa bianconera dove gli attacchi ormai sono all’ordine del giorno. «Parliamo di calcio e in particolare di allenatori – scrive -. Che Allegri sia ancora fermo è un paradosso perché puoi vincere tutto ma poi non trovi una squadra decente per allenare. Discorso diverso per Spalletti che ha deciso di godersi i soldi dell’Inter, fino all’ultimo bonifico. Libero di farlo. Si mangia due castagne alla faccia di Zhang. La Fiorentina commette sempre i soliti errori perché Commisso, al suo secondo anno viola, ci sta capendo davvero poco nella gestione degli allenatori italiani. I tifosi viola sognavano un Sarri o uno Spalletti ma le decisioni di Commisso si commentano da sole. Fin quando non avrà la garanzia del nuovo stadio, soldi veri in questa società non li metterà. Sarri fermo ci sta, sono passati pochi mesi dall’addio alla Juventus ma, come dicevamo, stona la sosta forzata di Max Allegri».

LEGGI ANCHE >>> Bendtner: «Quando arriva alla Juve trovai 12 compagni a fumare in bagno»

Criscitiello e l’attacco a Pirlo

Juventus
Andrea Pirlo preoccupato, Juventus @Getty

Criscitiello poi affonda il colpo. «Per chi conosce la serie C e la serie D voglio fare una scommessa – dice -. Scommettiamo che troviamo tra terza e quarta serie almeno 10 allenatori più preparati di Andrea Pirlo (brava persona ma senza un briciolo di esperienza)? Pioli sta vendicando un po’ la categoria anche se adesso va giudicato quando si alza l’asticella della pressione. Allenatore preparato già ai tempi di Salerno e di Modena, ora deve consacrare la sua carriera vincendo qualcosa di importante dopo le annate con Lazio e Inter».