Criscitiello ai tifosi della Juve: «Cosa vi emozionate per 3 gol al Cagliari?»

0
183

Il giornalista Michele Criscitiello si focalizza sulla tripletta di Cristiano Ronaldo contro il Cagliari: «E’ stato preso per la Champions».

Il giornalista di Sportitalia, Michele Criscitiello, ha lanciato una frecciatina ai sostenitori della Juventus. Nel suo editoriale su tuttomercatoweb non ha avuto grandi dubbi. «Se un tifoso della Juventus ha esultato per lo show di Ronaldo, in 45 minuti a Cagliari, non è un vero tifoso. Ronaldo non sarà ricordato, tra dieci anni, per quello che ha fatto in Italia. Nessuno sta dicendo che sia stato un bluff o un fallimento. E’ stato un affare di marketing, in termini di gol, ti ha aiutato a vincere qualche campionato e qualche Coppa di casa nostra e ha fatto una valanga di gol. Tutto vero. Tutto giusto. Ma era stato preso per altro. Avrebbe dovuto fare il fenomeno. Non l’ha fatto. Non è solo colpa sua, anzi. Avrebbe dovuto avvicinare la Juventus alla sua specialità: la Champions League. Il paradosso è che con lui a Torino la Coppa si è addirittura allontanata. Quando serviva non c’è stato. Chiesa ha fatto il fenomeno, Ronaldo l’ha fatto a Cagliari».

LEGGI ANCHE >>> Marani: «Alla Juve tutto casuale da due anni. Senza Marotta…»

Criscitiello contro Ronaldo

Juventus
Cristi

«E’ vero – continua Criscitiello – gli hanno cambiato tre allenatori. Gli indebolito la squadra e si è ritrovato in una Juventus che per prendere Ronaldo ha indebolito tutto il resto della squadra. Paratici dice cose giuste: non si può discutere Ronaldo, è un campione e resterà con noi. Vero, verissimo. Conduce Silvia Toffanin. Ma ora pubblicità. Non può la Juventus non metterci la faccia per l’annata in corso. Uscire con il Porto agli ottavi, aver azzardato la carta Pirlo ed essere quasi fuori dalla corsa scudetto, senza aver mai partecipato alla corsa, sono motivi di riflessione per una società che era reduce dal “vinci tutto ma manca la Champions”. Agnelli ha le sue colpe. Paratici è un grande conoscitore di calciatori, come Massara al Milan, ma le coppie che funzionano non devono mai scoppiare. Ci perdono tutti. Paratici-Nedved non ha nulla a che vedere con la coppia Marotta-Paratici».