Calciomercato Juventus, “avvertimento” Jorginho: l’annuncio ufficiale è lapidario

0
202

Calciomercato Juventus, l’avvertimento su Jorginho è lapidario. Il passaggio in bianconero potrebbe avvenire solamente a una condizione. 

Non c’è dubbio che Jorginho, il centrocampista del Chelsea che va in scadenza nel 2023, sia un obiettivo concreto della Juventus per la prossima stagione. In mezzo al campo Massimiliano Allegri è alla ricerca di un giocatore in grado di garantire geometrie, qualità, e anche quell’esperienza che è mancata nel corso di questa stagione anche per via di diversi infortuni che hanno condizionato le scelte del tecnico. Insomma, uno come Jorginho serve.

Calciomercato Juventus
Jorginho ©LaPresse

La volontà uscita fuori negli ultimi mesi da parte del calciatore sarebbe quella di tornare in Italia. Inizia a sentire la nostalgia l’ex centrocampista del Napoli che in Inghilterra ha vinto praticamente tutto. E, su di lui, Cherubini ci ha fatto più di un pensiero. Non sarà facile strapparlo al Chelsea, soprattutto per quella che è la situazione societaria del club inglese, che ha il mercato bloccato e che alla ricerca di un acquirente dopo che Abramovich è stato costretto a mettere la società sul mercato.

Calciomercato Juventus, l’annuncio su Jorginho

Calciomercato Juventus
©LaPresse

A parlare a calciomercato.it ci ha pensato Joao Santos, l’agente del centrocampista. Annunciando in poche parole che il futuro dell’italo-brasiliano potrebbe cambiare solamente ad una condizione. “Senza un compratore per il club Jorginho resta al 100% a Londra. Conosco Cherubini da 20 anni e anche lui è consapevole di questa situazione”. Insomma, tutto realmente passa da quelle che sono le trattative che dovrebbero portare a una cessione del Chelsea nello spazio dei prossimi mesi. Altrimenti, con tutto bloccato, e con nessuna possibilità di andare a discutere rinnovi e soprattutto senza aver la possibilità nemmeno di fare innesti, Jorginho non potrebbe essere ceduto.

Ovviamente si spera che questo si possa risolvere almeno per il prossimo luglio, quando il mercato inizierà ufficialmente, ma parliamo di miliardi di euro in ballo. Tutt’altro che semplice e veloce quindi arrivare a quello che potrebbe esser un punto d’incontro.