Juventus, Allegri rilancia il sogno scudetto: ‘avviso‘ al Napoli

0
58

Juventus, le parole di Max Allegri ai microfoni di DAZN: il tema scudetto è stato uno dei più caldi del post partita.

Tanti i temi affrontati da Max Allegri a DAZN, negli istanti immediatamente successivi al triplice fischio di Juve-Inter. Ecco quanto dichiarato dal tecnico livornese:

Max Allegri ©LaPresse

RABIOT  “In estate gli ho ribadito che comunque lo stimavo, che lo consideravo e considero un grande calciatore, con margini di miglioramento importanti e stasera ha fatto una prestazione straordinaria. Nelle difficoltà del primo tempo abbiamo avuto un pizzico di fortuna, però di solito quando hai un atteggiamento propositivo è più facile portare a casa il risultato.”

CAMBIO DI MODULOSicuramente ha dato più certezze. Le certezze migliori sono quelle di una squadra che comunque corre tutta insieme, capisce i momenti della partita. All’inizio giocavamo mezz’ora, uscivamo dalla partita. Ora anche nei momenti difficili, restiamo nella partita. Ma questo spirito è importante. Barzagli era un professore quando difendeva, era straordinario vederlo difendere. I tre difensori soprattutto nel primo tempo hanno fatto una prova straordinaria.

VITTORIA DAL SAPORE SPECIALE – “Dopo 4 occasioni ritorniamo a battere l’Inter, poi era importante vincere lo scontro diretto, abbiamo giocato bene anche tecnicamente, abbiamo rischiato solo su Lautaro. Quando giochi queste partite con quest’atteggiamento, è difficile anche prendere goal.”

SVOLTAIl campionato è lungo, abbiamo avuto qualche passaggio a vuoto soprattutto in Champions. Questa è una vittoria che ci darà soddisfazioni. Domani, però, dobbiamo riazzerare tutto: abbiamo Verona e Lazio.”

SOGNO SCUDETTO“10 punti dal Napoli? Siamo a due punti dal quarto posto, il campionato è ancora lungo. Il Napoli sta disputando un grande campionato, ma dopo la sosta non so cosa possa succedere. L’obiettivo è fare il massimo, non pensare che dopo questa partita si possa sfinire di lavorare. Bisogna recuperare calciatori anche in funzione dell’Europa League, e fare un passettino alla volta.”