Calciomercato Juventus, Paratici vuole soffiarlo: Cherubini si blinda

0
85

Calciomercato Juventus, Paratici vuole soffiare il talento alla Vecchia Signora: rinnovo in vista con Cherubini che cerca di blindarlo

L’uomo del momento. O almeno, così è stato fin quando un intervento killer non l’ha messo fuori gioco per un poco di tempo. Addio al prossimo anno, insomma, per Iling-Junior, il classe 2003 della Juventus che ha stregato il tecnico Massimiliano Allegri che dopo il Benfica gli aveva dato spazio anche in campionato sul campo del Lecce. Era stato proprio lui a confezionare l’assist per Fagioli che poi ci aveva messa tanto del suo per girare quel pallone alle spalle di Falcone e regalare tre punti pesanti alla Vecchia Signora.

Calciomercato Juventus, Paratici vuole soffiarlo: Cherubini si blinda
Fabio Paratici ©LaPresse

Bene, l’inglese, che ormai sarà quasi sicuramente inserito in pianta stabile in Prima Squadra, ha un contratto in scadenza nel 2023. E secondo TuttoSport la società bianconera vorrebbe blindarlo, anche in tempi celeri, per rispedire al mittente tutte quelle offerte che potrebbero arrivare nei prossimi mesi al giocatore. Una su tutte, a quanto pare, quella del Tottenham del grande ex Fabio Paratici.

Calciomercato Juventus, Cherubini blinda Iling-Junior

Iling-Junior ©️LaPresse

Non solo gli Spurs, tuttavia, sarebbero sulle tracce di Iling-Junior. Ma un pensiero sempre in Premier League ce lo starebbe facendo anche l’ex tecnico del Sassuolo Roberto De Zerbi, che da quando Potter è passato al Chelsea ha preso le sue redini sulla panchina del Brighton. Le prestazioni del 19enne hanno sicuramente impressionato: non solo per la qualità messa in campo ma anche per quella sfacciataggine, leggasi personalità, che è merce rara per un giovanissimo.

Qualità che piacciono in maniera evidente ad Allegri che a differenza di altri momenti, anche per via delle molteplici assenze, sta gettando nella mischia diversi giovani che le risposte le stanno dando. Iling-Junior, insomma, dovrebbe essere presto blindato con i colloqui che dovrebbero già iniziare nelle prossime settimane. Di tempo, per via della pausa dei Mondiali, ce n’è tanto.