Juventus-Udinese, ribaltone Allegri: la probabile formazione

0
44

La Juventus torna subito in campo, questo pomeriggio alle ore 18 infatti giocherà allo Stadium per affrontare la sempre ostica Udinese.

Partita da prendere con le pinze quella che attende i bianconeri in serie A, ma c’è tanta voglia di proseguire nella marcia verso il primo posto. Il successo ottenuto in extremis sulla Cremonese è stato il settimo consecutivo ma ad impressionare è soprattutto il dato delle reti subite in queste ultime sette gare, ovvero zero.

Juventus-Udinese, ribaltone Allegri: la probabile formazione
Juventus-Udinese: le scelte di Allegri ©LaPresse

Il 2023 sarà ricco di impegni in questa seconda parte della stagione e bisogna farsi trovare sempre preparati. Grande concentrazione dunque e buone notizie che arrivano dall’infermeria per il tecnico Massimiliano Allegri. Che per questa sfida potrà contare sul rientro di Di Maria, ma non solo.

Juventus-Udinese la probabile formazione di Allegri: tanti cambi

La probabili formazione bianconera contro i friulani dunque potrebbe vedere delle novità importanti, con alcuni rientri che senz’altro potrebbero dare una marcia in più alla Juventus in questo confronto così delicato. Le ultime indiscrezioni sull’undici titolari arrivano dal giornalista Giovanni Albanese.

Juventus-Udinese, ribaltone Allegri: la probabile formazione
Federico Chiesa partirà dalla panchina ©LaPresse

Davanti a Szczesny dovrebbero giocare stavolta Danilo, Rugani e Alex Sandro. A centrocampo McKennie dovrebbe giocare sul binario di destra, con Kostic dall’altro lato. Torna Rabiot titolare e con lui ci sarà Locatelli con il giovane Miretti che ormai non può certo definirsi una sorpresa, visto che Allegri continua a dargli fiducia dall’inizio. Novità previste anche in attacco, con il ritorno di Di Maria alle spalle di Kean. Panchina per Milik ma anche per Chiesa. Entrambi comunque dovrebbero entrare a sfida in corso, pronti a dare il loro aiuto per centrare la vittoria. Una vera e propria rivoluzione di formazione dunque, ma inevitabile visti i tanti impegni ravvicinati.