Dalla Juventus al Milan: Maldini a carte scoperte, affarone low cost

0
61

Dalla Juventus al Milan, la concorrenza più agguerrita per il difensore che piace ai bianconeri arriva proprio dal Diavolo. 

Portieri, centrocampisti, attaccanti. Giovani, vecchi. Non c’è alcun dubbio sul fatto che la prossima sarà l’estate dei parametro zero. In tanti, tantissimi si libereranno gratis dal proprio club diventando free agent, a meno che ovviamente non decidano al fotofinish di accettare il rinnovo del contratto. Una manna per quelle squadre che, come la Juventus, hanno bisogno di rinforzarsi ma che dovranno farlo senza spendere cifre folli.

Dalla Juventus al Milan: Maldini a carte scoperte, affarone low cost
Maldini ©️Ansafoto

I bianconeri, ad esempio, devono irrobustire una difesa che in questo momento ha poche alternative oltre ai titolarissimi. Serve un centrale che possa far coppia con Bremer, considerando gli acciacchi che stanno tormentando capitan Bonucci. Lo stesso brasiliano ex Torino è reduce da una notte da incubo in quel di Napoli, che ha fatto sorgere qualche dubbio, anche se una giornata storta è nell’ordine delle cose. Il direttore sportivo bianconero Federico Cherubini ha puntato da tempo Evan N’Dicka, difensore francese classe 1999 dell’Eintracht Francoforte, finito pure nel mirino di diversi club inglesi.

Dalla Juventus al Milan, i rossoneri fanno sul serio per N’Dicka

N’Dicka sarà uno dei possibili parametro zero più ambiti e appetiti del prossimo mercato estivo. Se la Juventus è realmente interessante al gigante transalpino dovrà fare in modo di bruciare la concorrenza, tentando di trovare un accordo il prima possibile.

Dalla Juventus al Milan: Maldini a carte scoperte, affarone low cost
N’Dicka (Instagram)

Secondo Calcio Style, sul francese avrebbe messo gli occhi, oltre alla Roma di José Mourinho, anche il Milan. Paolo Maldini e Frederic Massara vogliono esaudire le richieste di Stefano Pioli: anche i rossoneri hanno bisogno di sistemare qualcosa nel reparto arretrato e uno come N’Dicka potrebbe fare al caso loro. La possibilità che il giocatore resti in Germania, ad ogni modo, sembrano essere davvero poche. Sia lui che il suo entourage sanno che il momento è propizio per compiere il famoso salto di qualità.