Scintille in casa Inter: Inzaghi nell’occhio del ciclone

0
104

Scintille in casa Inter, continua a far discutere il battibecco tra Lukaku e Barella durante la partita con la Sampdoria.

L’aria continua ad essere tesa in casa Inter dopo il deludente pareggio di Genova contro una Sampdoria che sembra avere un piede e mezzo in Serie B. I nerazzurri avevano l’occasione di allungare sulle dirette concorrenti nel posticipo di Marassi, approfittando dei passi falsi delle due romane. Ed invece contro i blucerchiati non sono andati al di là di uno scialbo zero a zero, collezionando il terzo passo falso di questo 2023.

Scintille in casa Inter: Inzaghi nell’occhio del ciclone
Inzaghi ©️Ansafoto

La squadra di Simone Inzaghi, nuovamente finito nel mirino dei più critici dopo la gara con la Samp di Stankovic, ha 44 punti. Gli stessi della Juventus senza penalizzazione: non ci fosse stata la sentenza della giustizia sportiva sul caso plusvalenze, nerazzurri e bianconeri sarebbero appaiati in seconda posizione. Ma a tenere banco, da lunedì sera, è la sfuriata tra Romelu Lukaku e Nicolò Barella, che non se le sono mandate a dire dopo un controllo sbagliato da parte dell’attaccante belga. All’ennesima sbracciata dell’ex centrocampista del Cagliari, Lukaku non ce l’ha fatta più ed ha reagito insultando il suo compagno.

Scintille in casa Inter, wgrwgergerherh

Del litigio tra i due giocatori dell’Inter a Genova ha parlato il giornalista Sky Fabio Caressa, intervenuto ai microfoni di Calciomercato.it nella trasmissione Tvplay in onda su Twitch. Queste le sue parole a proposito del battibecco.

Scintille in casa Inter: Inzaghi nell’occhio del ciclone
©️LaPresse

È dall’inizio del campionato che parlo di cavatappi quando vedo giocare l’Inter – ha detto Caressa – Tanta gente che alza le braccia. Barella ha quel modo di fare ed esprimersi. Se vi ricordate fino all’anno scorso prendeva tantissimi gialli, quella forza che prima metteva contro gli arbitri però ora forse la scarica sui compagni. Poi c’è stato un problema lessicale, rispetto all’inglese quello che ha detto Lukaku ha molto più peso qui in Italia, in Inghilterra è un insulto molto meno pesante. Detto in quel modo lì fa un altro effetto. Fa un effetto diverso rispetto alla reale portata di quello che voleva dire Lukaku a un Barella che effettivamente ha esagerato”. Ed infine il suo giudizio sulla reazione di Inzaghi: “Può essere che Inzaghi non usi una leadership da sergente di ferro. Poi può capitare di trovare un ambiente meno ricettivo rispetto al tuo modo di comunicare e quindi devi cambiarlo”.