Retrocessione e penalizzazione: caos stipendi, tolgono anche quattro punti

0
314

Retrocessione e penalizzazione, il club non ha corrisposto ben cinque mensilità ai suoi dipendenti: ma c’è una “via di fuga”.

Svanito il sogno Europa League, a catalizzare le principali attenzioni del club bianconero da questo momento in poi saranno le vicende extra-campo. La “battaglia” sta infatti per spostarsi su un altro fronte, quello della giustizia sportiva. Il primo di una serie di appuntamenti cruciali è fissato per lunedì prossimo, quando la Corte d’Appello della Figc sarà chiamata a rimodulare la sanzione per il caso plusvalenze.

Retrocessione e penalizzazione: caos stipendi, tolgono anche quattro punti
– Juvelive.it (Ansa)

Tra pochi giorni, dunque, la squadra di Massimiliano Allegri potrebbe ritrovarsi con una classifica nuovamente stravolta. La pena, secondo la Procura federale, dovrà essere afflittiva, motivo per cui è assai probabile che i giudici faranno in modo che la Juventus non possa prendere parte alle prossime competizioni europee. Ma i guai non finiscono qui per la Signora. Nel pomeriggio è arrivata la notizia dei deferimenti per la cosiddetta “manovra stipendi”, legata al secondo filone di indagini. Nel mesi di giugno ci sarà un nuovo processo e non è da escludere che il club possa incappare in ulteriori sanzioni.

Retrocessione e penalizzazione, in casa Wigan piove sul bagnato

Non sono solamente i bianconeri, tuttavia, ad avere a che fare con questo tipo di problemi. Singolare è infatti la situazione in cui versa il Wigan, club che quest’anno ha militato in Championship, l’equivalente inglese della nostra Serie B.

Retrocessione e penalizzazione: caos stipendi, tolgono anche quattro punti
– Juvelive.it (LaPresse)

La stagione dei Latics – questo il soprannome della squadra – si è conclusa con un’amara retrocessione in League One. Ma, oltre all’amarezza della perdita della categoria, il Wigan dovrà presto fare i conti con una penalizzazione di quattro punti, da scontare ovviamente nel prossimo campionato di League One. Il motivo è la mancata corresponsione di ben cinque mensilità ai calciatori. Come spiega il Daily Mail, la penalizzazione sarà sospesa per un anno e dovrebbe essere applicata solo se il patron Abdulrahman Al Jasmi non riuscisse a depositare un importo pari al 125% del salario mensile dei dipendenti.