Bufera VAR, scoppia la bufera: “Fermare la Juve” a tutti i costi

0
566

Bufera VAR, continua a far discutere l’episodio del tocco di mani di Bani non sanzionato da Massa nella sfida tra Genoa e Juventus. 

Il tocco di mani del difensore rossoblù Bani è di quelli evidenti. Più netti di così proprio non si può. Eppure l’arbitro Massa, venerdì scorso, non ha assegnato un calcio di rigore solare alla Juventus, dopo aver avuto un rapidissimo colloquio con il Var. Una decisione che non poteva non far discutere.

Bufera VAR, scoppia la bufera: “Fermare la Juve” a tutti i costi
L’arbitro Massa – Juvelive.it (Ansa)

Il direttore di gara, evidentemente ingannato dal pallone che prima di toccare il braccio del giocatore ha sfiorato la coscia, ha preferito soprassedere, facendo subito riprendere il gioco. Peccato che, secondo i vari commentatori arbitrali, si tratti di un errore evidente – e grave – dell’arbitro originario di Imperia, visto che il braccio di Bani era già troppo largo al momento del cross di Cambiaso. E andava sanzionato con il tiro dal dischetto. Massa era già finito al centro delle polemiche due settimane fa, quando decise di lasciar correre nonostante il fallo di Lautaro Martinez sul napoletano Lobotka in Napoli-Inter che ha successivamente originato il gol del nerazzurro Calhanoglu. Anche in quel caso in tanti – tra cui il presidente De Laurentiis – non erano stati teneri nei confronti del fischietto ligure.

Bufera VAR, duro confronto tra Zazzaroni e Biasin

L’episodio controverso di Marassi è stato commentato anche all’interno della trasmissione Pressing, in onda sulle reti Mediaset. E si sono scaldati gli animi durante l’intervento del direttore del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni.

Durissimo il confronto con Fabrizio Biasin, giornalista e noto tifoso interista. “Si dice che la Juve ha sempre avuto favori arbitrali – ha detto Zazzaroni – ma curiosamente da quando c’è il VAR, introdotto anche per fermare la Juve ricordiamocelo”. Una dichiarazione che fa sbottare la penna di Libero: “Ma cosa stiamo dicendo? Possiamo far passare un discorso del genere, è una cosa seria?”. Immediata la replica di Zazzaroni: “Ho detto questo? Ho detto “anche per questo”. Zio cantante, va che non capisci una min….”. Questa la risposta di Biasin, mentre il conduttore Callegari invita i due alla calma: “Così fai peggio dei social che prima hai criticato, stai dicendo una cosa bellissima per il mondo del calcio. Bravissimo”.