Inter-Juventus, Allegri: “Settimana storta, ora ripartiamo”

0
29

Non è andata certo come i tifosi della Juventus speravano alla vigilia. Il successo dell’Inter spegne i sogni scudetto dei bianconeri.

Il risultato finale è stato di 1-0 a San Siro al termine di un match che è stato molto tirato dal primo all’ultimo minuto. Decisiva è stata l’autorete di Gatti nel quarto d’ora finale della prima frazione, quando il difensore nel tentativo di anticipare Thuram ha spinto il pallone nella propria porta.

Inter-Juventus, Allegri: "Settimana storta, ora ripartiamo"
Massimiliano Allegri (LaPresse)

L’Inter ha premuto fin dal primo minuto alla ricerca del vantaggio, trovandolo però soltanto con un episodio fortuito. I nerazzurri hanno avuto le loro occasioni per raddoppiare, ma anche la Juventus ha avuto qualche chance. Peccato però che Vlahovic ha vissuto una serata davvero storta, il suo voto è stato il più basso nelle pagelle bianconere. Il successo della squadra di Inzaghi spegne un po’ il sogno scudetto della Juve. Perché il divario con la capolista ora è di 4 punti e potrebbe salire a 7.

Juventus, Allegri: “Questo fa parte del nostro percorso di crescita”

In sala stampa l’allenatore della Juventus Allegri è apparso comunque sereno, nonostante la sconfitta. Ai microfoni di DAZN ha analizzato la sconfitta della sua squadra. “Non so se l’Inter ha ormai in mano lo scudetto, noi dobbiamo continuare nel nostro percorso consapevoli che i nerazzurri sono i favoriti. Il campionato però è ancora lungo e non bisogna dimenticare che nessuno si sarebbe immaginato a giugno di vederci in questa posizione” sono le sue parole.

Inter-Juventus, Allegri: "Settimana storta, ora ripartiamo"
L’autorete di Federico Gatti (LaPresse)

“Non ho nulla da rimproverare ai ragazzi. Una settimana negativa durante l’arco della stagione c’é sempre. Loro sono stati più bravi negli ultimi 16 metri, hanno esperienza in più nel giocare queste sfide delicate. Il ko fa parte del nostro percorso di crescita. Ora abbiamo l’Udinese e non dobbiamo mollare, perché i periodi difficili capitano a tutti” ha concluso l’allenatore bianconero.