Erede Bremer, Juventus in visibilio: è già a Torino

0
25

Erede Bremer, i bianconeri non possono farsi trovare impreparati se il difensore brasiliano a fine stagione dovesse andare via. 

I principali quotidiani sportivi italiani questa mattina hanno “messo in guardia” la Juventus. Non che i bianconeri non ne fossero a conoscenza, ci mancherebbe, ma l’esistenza di una clausola rescissoria nel contratto di Gleison Bremer, che pochi mesi fa ha firmato il rinnovo con il club bianconero fino al 2028, finora era rimasta “quasi” segreta.

Erede Bremer, Juventus in visibilio: è già a Torino
Bremer – Juvelive.it (Lapresse)

Con 61 milioni di euro il difensore brasiliano lascerebbe la Torino bianconera nella prossima estate, molto probabilmente in direzione Premier League. Non è un mistero, infatti, che sulle sue tracce ci sia da tempo il Manchester United: i Red Devils sono alla ricerca di un centrale forte, possente, bravo negli anticipi ed in zona gol. Tutte caratteristiche che l’ex granata possiede e l’ha dimostrato anche ad alti livelli con la maglia della Signora. Logico che se dall’Inghilterra dovessero inoltrare un’offerta del genere la Juventus non ci penserebbe due volte ad accettare. Sessantuno milioni sono una cifra che al momento, in epoca di “austerity”, il club di via Druento non può assolutamente permettersi di rifiutare.

Erede Bremer, altro “tradimento” in vista: c’è Buongiorno

Come spiega il Corriere dello Sport, sarebbero 30 milioni di plusvalenza “secca”, tenendo conto che il 10% della rivendita finirebbe nelle casse del Torino, come da accordi presi nell’estate 2022, quando il brasiliano scelse clamorosamente di cambiare sponda del Po.

Ma a quel punto chi prenderebbe la Juve al posto di Bremer? Cristiano Giuntoli in tal senso ha le idee chiare e potrebbe di nuovo andare a pescare in casa Torino. All’ex direttore sportivo del Napoli, infatti, piace molto Alessandro Buongiorno, centrale che all’epoca approfittò proprio del vuoto lasciato da Bremer per mettere in mostra le sue qualità. In poco tempo è riuscito a non farlo rimpiangere, conquistando pure la nazionale maggiore. Secondo la giornalista Fabiana Della Valle, quella di Buongiorno sarebbe più di un’idea.