Nuova bufera in casa Juventus: ‘taglio’ UFFICIALE, è finita

0
18

Nuova bufera in casa Juventus, questa volta non c’è di mezzo la società ma una bandiera che ha fatto la storia del club

Claudio Marchisio sotto attacco. E oggettivamente non capiamo come possa essere. Però, la notte scorsa, a Torino alcuni ultras bianconeri hanno piazzato uno striscione contro l’ex centrocampista che in un podcast, alcuni giorni fa, aveva citato dei dati statistici sul tifo.

Messaggio Marchisio bufera Juventus
Il logo della Juventus (Lapresse) – Juvelive.it

Subito si erano scatenate le polemiche. Adesso questo lungo striscione ha fatto anche perdere un pochettino le staffe a Claudio, che in un lungo post su Instagram ha deciso di rispondere a muso duro. “Da giocatore Lacche della società, da disoccupato sei un rinnegato e nella vita Marchisio uomo di merda”. Questo il testo. E Claudio ha esternato il suo pensiero. Sotto potete leggere tutto lo sfogo.

Bufera Juventus, le parole di Marchisio

“Ho citato una statistica sul tifo in alcune città italiane durante un podcast e, questa mattina, mi sono svegliato con il cellulare intasato dalla foto che vedete.
Mi rivolgo quindi a voi quattro, con il volto coperto, che con orgoglio mostrate questo striscione con scritto: “𝗗𝗮 𝗚𝗶𝗼𝗰𝗮𝘁𝗼𝗿𝗲 “𝗟𝗮𝗰𝗰𝗵𝗲” 𝗗𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗦𝗼𝗰𝗶𝗲𝘁à, 𝗗𝗮 𝗗𝗶𝘀𝗼𝗰𝗰𝘂𝗽𝗮𝘁𝗼 𝗦𝗲𝗶 𝗨𝗻 𝗥𝗶𝗻𝗻𝗲𝗴𝗮𝘁𝗼 𝗘 𝗡𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗩𝗶𝘁𝗮 𝗠𝗔𝗥𝗖𝗛𝗜𝗦𝗜𝗢 𝗨𝗼𝗺𝗼 𝗗𝗶 𝗠𝗲𝗿𝗱𝗮!” È evidente che ognuno è libero di avere il proprio pensiero e che, nei limiti della decenza, abbia il diritto di condividerlo. Quello che però proprio non sopporto è che certe persone pensano che essere “tifosi” dia loro il diritto di compiere gesti che vanno oltre i limiti”.

Claudio Marchisio e la Juve
Claudio Marchisio (AnsaFoto) – Juvelive.it

Poi, Marchisio, ha continuato in questo modo: “Perché pensate di avere il diritto di appendere quello striscione fuori da un ristorante di cui, tra l’altro, non sono unico socio? Perché pensate che i ragazzi che lavorano al ristorante debbano perdere del loro tempo prezioso rimuovendolo? Perché pensate che le attività vicine debbano essere turbate da questo gesto, così come i loro clienti? Perché nel calcio è sempre tutto ammesso? Perché non esiste mai un confine? E ripeto, non mi dà neanche fastidio il contenuto dello striscione, ma il gesto di averlo appeso fuori dal ristorante. Due parole sul messaggio. Voi quattro, che mostrate quella scritta, non sapete niente. Non avete idea dei sacrifici miei e della mia famiglia, dei chilometri percorsi per allenarmi da bambino e da ragazzo nei campi più sperduti della provincia.

“Dell’adolescenza mai vissuta, delle amicizie perse perché non c’ero mai. Non avete idea del tempo sottratto a mia moglie e ai miei figli, che non recupererò mai più. Non avete idea della sofferenza per gli infortuni avuti per non essermi mai risparmiato un solo giorno. Del coraggio di farsi da parte quando era il momento di mettere davanti la squadra ai miei interessi personali. Ma non avete neanche idea di quanto sia stato bellissimo vivere questa vita insieme ai tantissimi tifosi che hanno colorato la mia vita. Tifosi, loro sì, voi no! Citando uno striscione decisamente più romantico di questo: “Son tutti Juventini ma Marchisio lo è un po’ di più”.