Genoa-Juventus, Allegri in conferenza: “Domani match molto difficile. Dispiace per l’infortunio di Marchisio”

0
472
Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri ©Getty Images

Archiviata la prima giornata di campionato con la vittoria all’Allianz Stadium per 3-0 contro il Cagliari e scoperte quali squadre saranno affrontate in Champions League, la Juventus si appresta domani ad affrontare il Genoa allo Stadio Marassi in una partita che nella passata stagione ha dato più di un grattacapo ai bianconeri: 3-1 per i rossoblu, infatti, il risultato finale. Massimiliano Allegri ha presentato il match nel corso della classica conferenza stampa di vigilia. Il tecnico della Juventus ha così esordito: “Non mi preoccupa il girone di Champions, il sorteggio è quello e quindi dobbiamo affrontare quelle squadre: bisogna fare punti e passare il turno. Dispiace per l’infortunio di Marchisio, avrà bisogno di un mese di tempo per recuperare”.

Allegri non ha convocato Asamoah, potrebbe esserci l’addio di mezzo: “Partenza imminente no, ma il ragazzo sta facendo delle valutazioni insieme alla società visto che mancano pochi giorni al termine del calciomercato”.

Genoa-Juventus, la conferenza stampa di Allegri

L’allenatore toscano ha poi analizzato il match di domani contro il Genoa: “Domani è una partita che dobbiamo vincere. Non è facile perché la Juventus a Marassi ha sempre fatto fatica. L’anno scorso prendemmo 3 gol in venti minuti. Bisogna vincere per poi affrontare la sosta in totale serenità. Il Genoa in casa è una squadra totalmente diversa rispetto a quella in trasferta. Domani faranno una partita aggressiva”.

Sull’integrazione dei nuovi acquisti Allegri ha dichiarato: “Douglas Costa si sta integrando, come anche Matuidi e Bentancur che è cresciuto molto e credo possa essere la sorpresa del campionato. De Sciglio si sta riprendendo perché le qualità le ha”.

Sul calciomercato Juventus ha invece annunciato: “Non chiedo niente alla società sul mercato. Ho tanti centrocampisti, al momento siamo questi e al mercato ci pensa la dirigenza. Questa squadra lo scorso anno ha fatto grandi risultati, ora sono subentrati altri ottimi giocatori. Abbiamo una base solida e non ha senso parlare di mercato. Questo è un anno importante per Rugani che quest’anno avrà la possibilità di giocare tante partite”.

Sulla possibilità di passare al 4-3-3: “Matuidi è un giocatore che può fare l’interno di centrocampo. Il 4-3-3 è venuto fuori contro il Cagliari perché l’ultima mezz’ora ho messo tre giocatori offensivi. L’annata è lunga e giocheremo con i due, a volte con i tre; dipende dai momenti e da come si evolve la stagione. Possiamo tornare anche a giocare con la difesa a tre. Domani giocheremo con i 4 dietro sicuro, ho il dubbio solo a centrocampo”.

Sui sorteggi di Champions, Allegri ha commentato così: “Non so perché ma prendo sempre il Barcellona (ride ndr). Sfida bella e affascinante. Il passaggio passerà attraverso le trasferte di Atene e Lisbona, due squadre che hanno sempre partecipato alla Champions e sono esperte. È un vantaggio giocare le prima a Barcellona perché in caso di vittoria possiamo passare il turno”.

“Il Milan con Juventus, Napoli, Inter e Roma è una delle cinque squadre che lotta per i primi quattro posti. Ha fatto un mercato importante”.