Sconcerti attacca Nedved: «E’ arrogante. Perché paga solo Commisso?»

0
14

Il giornalista Mario Sconcerti dice la sua sul pesante botta e risposta tra Rocco Commisso e Pavel Nedved a margine di Juventus-Fiorentina di campionato.

Mario Sconcerti

Non poteva mancare il commento, piccato nei confronti della Juventus, di Mario Sconcerti. Il noto giornalista sportivo, ex direttore generale della Fiorentina, dal portale calciomercato.com ha commentato quanto è accaduto domenica dopo la partita. Ha preso posizione apertamente contro l’amministratore delegato bianconero Pavel Nedved e difeso Rocco Commisso.

LEGGI ANCHE >>> Commisso fa un parziale dietrofront con la Juventus

Sconcerti contro Nedved

«Nedved? – ha detto Sconcerti – La sua è una reazione da classico personaggio importante che è convinto di essere importante per tutti. Nedved per caso si preoccupa di cosa siano stufi gli altri? No, certamente. E perché noi ci dobbiamo preoccupare di cosa è stufa la Juventus? Reputo quello di Nedved un segno di arroganza». Parole che non sono piaciute al club del presidente Agnelli, già destinatario di altre frecciatine da parte del cronista.

LEGGI ANCHE >>> Auguri a sua Maestà il Re! CR7 compie 35 anni

Nicchi © Getty Images

Attacco anche a Nicchi e all’AIA

Sconcerti, però, non si è limitato soltanto a Nedved. E’ andato oltre. Ha utilizzato toni forti anche con Marcello Nicchi, designatore degli arbitri. «Nicchi ha fatto una cosa molto grave. Se ci fosse una classe giornalistica attenta, l’avrebbe spinto alle dimissioni o qualcosa di simile. Un presidente di società come Commisso può certamente usare toni migliori, questo è sicuro. Ma il capo degli arbitri non può dire che gli arbitri sono disgustati. Perché se ti prendi il diritto al disgusto non ti risconosco più come mio giudice, non risconosco la tua imparzialità. Ma questo non vale solo per la Fiorentina. Ti chiedo e mi chiedo: ma se gli arbitri avessero davvero il disgusto, chi l’assicura l’imparzialità del campionato? Nicchi ha reagito d’istinto esattamente come Commisso, che però ora paga perché è stato multato. Mentre la colpa di Nicchi è enormemente più grave. Così si accetta che gli arbitri siano disgustati. Ma disgustati di che? Non se lo possono permettere. Guarda, è come se mi facessi giudicare da un giudice che ce l’ha con me».