Szczesny getta acqua sul fuoco: «Ripartiamo dal secondo tempo»

0
4

Szczesny cerca di salvare il salvabile dalla trasferta di Lione e vede il bicchiere mezzo pieno. Ma le giustificazioni non possono essere accettate.

Szczesny incassa il gol del Lione

Szczesny non ha colpe sul gol incassato dalla Juventus, anche perché Tousart è arrivato a colpire indisturbato dal limite dell’area piccola. Impossibile per lui respingere un pallone che era già in gol ancor prima di essere impattato. Il portiere bianconero, però, ha deciso di metterci la faccia nel post-partita, presentandosi ai microfoni di Sky. Ha cercato di gettare acqua sul fuoco, ma è riuscito parzialmente nel suo intento.

LEGGI ANCHE >>> Esonero Sarri, il provvedimento è ormai inevitabile

Le parole di Szczesny

Szczesny si è espresso così sulla partita: «Nel primo tempo abbiamo sbagliato. Nel secondo abbiamo messo le cose a posto, ma non è andata come speravamo. Dobbiamo ripartire da qui». Troppo poco per i tanti tifosi juventini che lo hanno ascoltato. Sul gol preso ha aggiunto: «L’azione bisognava fermarla prima che entrassero nella nostra area di rigore.Quando sono lì basta un rimpallo e tutto può capitare». Chiosa finale sull’atteggiamento imbarazzante che i compagni hanno avuto sul rettangolo verde. «Non sono d’accordo sul calcio d’angolo in cui hanno colpito la traversa. Bentancur è stato anticipato, ma marcando a zona sono cose che possono capitare. Errore di comprensione tra Bonucci e Pjanic? Meno male che siamo riusciti a rimediare».

LEGGI ANCHE >>> Il tecnico della Juve massacrato dalla stampa italiana

Wojciech Szczesny in azione ©Getty
Wojciech Szczesny ©Getty Images

Pagelle sufficienti per il portiere polacco

Il portiere polacco è stato salvato dalla stampa. Sul Corriere dello Sport ha preso 6. Il giudizio è sintentico: «Para su Bruno Guimaraes. Viene salvato dalla traversa su testa di Toko Ekambi, ma è “freddato” da Tousart». Sulla Gazzetta dello Sport altro 6 e altro giudizio simile. «Blocca un tiro di Guimaraes, non arriva su Tousart ma… lì non si arriva. Paradossalmente, serata ordinaria».