Cannavaro e Juve-Napoli, l’ex difensore si sbilancia sul pronostico

0
28

Fabio Cannavaro e il derby del cuore in finale di Coppa Italia. Juve-Napoli rappresenta tutto il suo passato e si sbilancia in un pronostico…

Fabio Cannavaro, capitano dell'Italia campione del mondo
Fabio Cannavaro, capitano dell’Italia campione del mondo

«Una finale è un’emozione, sempre. Peccato non ci sia il pubblico, il calcio è per loro. Ma spero che passi presto, che si possa riaprire, che torni completamente la normalità». Parole di Fabio Cannavaro che vivrà in modo particolare Juve-Napoli, atto finale di una Coppa Italia tribolata. «Le finali sono di chi le conquista e dunque appartengono ai club, agli allenatori, ai calciatori. Io la vivo con partecipazione, ovviamente, ed è anche superfluo sottolinearne i motivi». Ex calciatore di entrambe le compagini. Nato e cresciuto in azzurro, campione conclamato in bianconero.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, il Manchester prova a rinnovare con Pogba

Cannavaro dalla parte di Ringhio Gattuso

gattuso
gattuso

Fabio Cannavaro fa un po’ il prezioso. Dice: «Non ho più l’età per tifare». Poi però si lascia andare. «E’ chiaro che se c’è la squadra della mia città in campo ed il suo allenatore è Gattuso, allora non posso che aver piacere che a vincere siano loro. Anche perché penso che Rino meriti la soddisfazione di godersi un trofeo». C’è spazio anche per un paragone con Sarri. «Sono uomini che hanno storie diverse. E sono imparagonabili. Appartengono a generazioni distanti e anche con idee differenti. Ma sono bravissimi entrambi nel portare avanti le proprie filosofie. Io non ho capito perché mai il Milan non abbia confermato Rino: ha dimostrato conoscenze, esperienza, serietà e sensibilità».