Ronaldo alza la voce davanti ai dirigenti della Juventus

0
18

Cristiano Ronaldo non ha inteso rinunciare alla convocazione con il Portogallo, cosa alla quale tiene tantissimo. Acceso confronto la dirigenza della Juventus.

Come noto la Juventus è stata elogiata dall’Asp di Torino per aver comunicato in maniera estemporanea i calciatori che avevano lasciato l’isolamento volontario per poter rispondere alle convocazioni delle loro nazionali. Bentancur, Cuadrado, Danilo, Dybala e Ronaldo, assieme a Buffon e Demiral, che hanno lasciato il ritiro al “J Hotel” per andare a casa o raggiungere appunto le nazionali all’estero. La Gazzetta dello Sport, però, stamattina racconta di una situazione particolare legata a CR7

LEGGI ANCHE >>> Aouar alla Juventus, calciomercato: sfida al Real per il centrocampista

Ronaldo e la voglia di Portogallo

Cristiano Ronaldo calciomercato Juventus

Quando Cristiano ha saputo che sarebbe dovuto restare in isolamento, si è sfogato con la dirigenza davanti ai compagni. Il Re riteneva assolutamente ingiusto non poter rispondere alla convocazione del Portogallo. Questo, chiaramente, a margine di un primo tampone negativo. È stato il primo tra i calciatori a decidere che avrebbe lasciato la bolla sotto la propria responsabilità. A quel punto Dybala, Cuadrado, Danilo, Bentancur. Demiral e Buffon lo hanno imitato. Ronaldo domenica notte ha dormito nella casa torinese e lunedì è volato nel ritiro del Portogallo, dove tra l’altro c’è stato un caso di positività. E’ José Fonte, subito messo in isolamento e sostituito da Domingos Duarte. Cristiano però sta decisamente bene, racconta il campo, e non vede l’ora di iniziare la Champions con la Juve.