Milik: «Ho deciso di andare via dal Napoli. Vi spiego la situazione». E La Juve…

0
17

Il centravanti della Polonia, Arkadiusz Milik, si è sfogato in patria dopo la turbolenta sessione di mercato che lo ha visto protagonista nell’ultima estate.

Calciomercato JuventusIl quotidiano polacco SportoweFakty ha intervista Arkadiusz Milik e di carne alla brace ne è stata messa davvero tanta. «Il mio destino era in bilico fino alle ultime ore del mercato – ha detto -. Si è parlato troppo di me e non sempre si è detta la verità, ecco perché voglio fare chiarezza. Il Napoli voleva rinnovare il mio contratto e mi ha detto: firma o vieni ceduto. Ho deciso di andare altrove, di provare qualcosa di diverso. Il mio manager Pantak stava cercando una squadra. C’erano diversi interessi, ci sono stati colloqui. La pandemia ha complicato alcune cose». Come ad esempio il passaggio alla Juventus.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, c’è stato il contatto con Ter Stegen. La situazione

Milik, le verità del centravanti

«Non voglio fornire dettagli o nomi di squadre – ha aggiunto Milik -. Lo spiegherò diversamente. Affinché il trasferimento avvenga, è necessario raggiungere un accordo tra il giocatore ed entrambe le squadre. C’è stato il via libera da parte mia. I club non hanno trovato l’accordo. E sono rimasto a Napoli. La Roma? Ho svolto le visite mediche lì, è vero, ma andava tutto bene. Il club ha anche rilasciato un annuncio su questo argomento. Tuttavia, non vorrei commentare a quale squadra ero più vicino, ma era in Italia». Infine la stoccata alla stampa italiana. «Non c’è mai stata ostilità da parte mia verso il Napoli. Volevo risolvere tutto professionalmente. Ho un grande rispetto per la società, ho trascorso quattro anni meravigliosi a Napoli. Rispetto il Napoli, i tifosi. Ma ho deciso così. Giusto o sbagliato che sia è una mia decisione. Ai giornalisti italiani piace aggiungere un po’ di dramma a questioni semplici. Vivono il calcio, lo respirano, ne discutono tutti. In televisione, su giornali, portali, blog. Chiunque può dire quello che vuole, ma non tutte le informazioni sono corrette».