Juventus nel pieno della tempesta | C’è aria di addio

0
465

Juventus nel pieno della tempesta: c’è aria di addio attorno alla società. Indiscrezioni portano a un cambio già il prossimo anno

Agnelli @getty images

Aria di bufera attorno alla Juventus. Dopo che ieri i tifosi hanno manifestato tutto il proprio disappunto nei confronti della società per il mercato fatto. Gli striscioni che sono stati appesi all’esterno dello Stadium sono eloquenti e lasciano davvero pochissimo spazio alle interpretazioni. Non è andata in nessun modo giù il mercato fatto. E, inoltre, la cessione di Cristiano Ronaldo ha lasciato un buco enorme in attacco. Perché il solo Kean non può sicuramente essere il sostituto del portoghese. Che, onestamente, sostituti non ne può avere. Però ci si aspettava un ulteriore sacrificio, per mitigare sicuramente il sentimento dei tifosi bianconeri. Ma così non è stato. Probabilmente se ne riparlerà a gennaio, alla riapertura delle trattative. Ma fino a quel momento non sarà facile, visto che tutte le squadre si sono rinforzate, rimanere attaccati a chi farà l’andatura. E la gara contro il Napoli, alla ripresa, può sicuramente essere uno spartiacque importante.

LEGGI ANCHE: Juventus, che attacco dagli ultrà bianconeri. Tutte le foto

Juventus, Agnelli va via?

Juventus
Andrea Agnelli @Getty images

Le voci, le indiscrezioni, i rumors, come detto, portano a un cambio ai vertici della società. A confermare tutto questo, ci sono anche le parole del giornalista Graziano Campi, che ha Top Calcio 24, ha spiegato: “Non è affatto sicuro che Agnelli sarà il presidente della Juventus anche il prossimo anno. Da una parte c’è la Ferrari che spinge per averlo e dall’altro c’è da capire come andrà a finire la questione legata al caos della Superlega. Staremo a vedere”.

Quindi il futuro non è tutto rose e fiori. Anzi, tutt’altro. Perché un nuovo fallimento potrebbe portare senza dubbio a una rivoluzione. Che potrebbe toccare anche Nedved e Cherubini. In questi cambi, non dovrebbe comunque entrarci Arrivabene, che è appena entrato in società e che, oggettivamente, ha avuto poco modo di lavorare.