Calciomercato Juventus, Allegri trema | Occhio allo scippo

0
42

Calciomercato Juventus, un giocatore bianconero sarebbe finito nel mirino di un top club europeo. Un ingaggio più alto la chiave per convincerlo. 

È palese che Massimiliano Allegri non lo consideri un titolare indiscusso. Lo dicono anche i numeri: nelle undici gare di campionato finora disputate è stato inserito nella formazione iniziale solamente sei volte. Matthijs De Ligt rappresenta uno dei più importanti investimenti effettuati negli ultimi anni dalla Juventus, ma ancora stenta a consacrarsi definitivamente in Italia. Al netto dei problemi fisici, che non sono stati pochi, non ha mai dato la sensazione di essere insostituibile. O meglio, nelle gerarchie è ancora un gradino sotto ai veterani Bonucci e Chiellini, che garantiscono forse maggiore affidabilità quando stanno bene.

Juventus
Allegri ©Getty Images

Il giovane difensore olandese, tuttavia, rimane una validissima risorsa. E lo sta dimostrando nelle ultime partite, in cui è salito di rendimento. I margini di crescita, considerando che è un classe ’99, sono enormi. Motivo per cui diversi top club europei restano sulle sue tracce. Pronti ad intavolare una trattativa nel caso il suo minutaggio, a Torino, dovesse ridursi.

Leggi anche: Vlahovic, il giudizio di Allegri sul centravanti della Fiorentina

Calciomercato Juventus, il Psg farebbe carte false per De Ligt

De Ligt @Getty Images

Le sirene ammaliatrici chiamano da Parigi. Secondo quanto riportato da calciomercato.it il Psg sarebbe disposto a fare carte false per portare De Ligt in Francia. L’ex Ajax piace molto al direttore sportivo Leonardo, pronto a recapitare un’offerta alla società bianconera già nella prossima estate. Dopo aver fatto incetta di campioni dalla metà campo in su, ora è arrivato il momento di sistemare la difesa, probabilmente l’anello debole della corazzata parigina.

L’olandese potrebbe essere invogliato a lasciare la Juventus dietro la promessa di un ingaggio molto più alto. E conoscendo la politica del suo agente Mino Raiola rappresenterebbe un valido motivo per lasciare Torino dopo tre anni dal suo arrivo.