Calciomercato, Commisso è un fiume in piena | Juve e Vlahovic nel mirino

0
138

Il presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, ha parlato della situazione legata a Dusan Vlahovic e al possibile passaggio alla Juventus.

Rocco Commisso ©️LaPresse

Rocco Commisso è un fiume in piena. La posizione di Dusan Vlahovic torna in bilico perché il serbo potrebbe clamorosamente rinnovare il suo contratto con la Fiorentina. «Per prima cosa non posso dire se sia tutto finito, perché qui non siamo ancora alla fine – ha detto il numero uno viola -. Ricordate quanto mi hanno criticato quando ad ottobre sono stato trasparente coi miei tifosi sulla situazione? Dicevano che eravamo rovinati. Eppure nelle 7 partite prima dell’annuncio ha fatto 4 gol di cui 3 su rigore, dopo invece 8 gol di cui uno su rigore. Io credo di averlo motivato, poi devo dire che è un professionista e posso solo parlarne bene».

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, “Guardiola pensa alla Juventus” | Game over Allegri

Vlahovic, Commisso e la Juventus

Vlahovic, Calciomercato Juventus (Getty)

«Io non mi faccio ricattare da nessuno, se mi posso tutelare legalmente lo faccio – aggiunge Commisso -. Ci sono cose che non sono neanche legali. Non so se va alla Juve ma voglio dire a loro, all’Arsenal e a tutto il mondo che la Fiorentina è padrona del cartellino di Vlahovic. Io non sono uno di quelli che non paga stipendi da mesi, voglio rispetto». Il numero uno viola parla anche del caso plusvalenze. «Sono profitti sulla carta, ma non necessariamente i soldi arrivano. Noi, se vedete anche Mediacom, parliamo sempre di cash, in cassa, da 25 anni mettiamo sempre i soliti dati che per noi sono la cosa più importante. Per me certe cose non sono giuste. I soldi che le società fanno devono riflettere quelli che ci sono nella società. Come succede che hanno 400 milioni e poi fanno debiti? Negli ultimi mesi la Juventus ha perso 1 miliardo di euro. In America è tutto diverso, ma queste questioni influenzano anche me perché io sono un competitor, competo con loro e ci vogliono regole per tutti». Così parlò il presidente.