Pagelle Bologna Juventus: De Ligt un muro, bene Morata | Un solo bocciato

0
546

Voti e pagelle di Bologna-Juventus, gara valida per la diciottesima giornata di Serie A: prestazione maestosa di De Ligt. Un bocciato.

Una gara da portare a casa a tutti i costi, a maggior ragione dopo lo scivolone dell’Atalanta, e la Juventus in quel di Bologna fa il suo dovere, regolare i felsinei con un rotondo 0-2, al termine di un match condotto dall’inizio alla fine senza troppi patemi d’animo e decise dai goal di Morata e Cuadrado.

Morata Juventus Pagelle
Alvaro Morata @LaPresse

Pagelle Juventus

Szczesny 6 Bravo a dire di no ad una conclusione di Svanberg e a sbrogliare un paio di mischie. Per il resto, ordinaria amministrazione.

De Ligt 8 Perfetto, maestoso: giganteggia su Arnautovic, seguendolo come un’ombra e vincendo tutti i contrasti. Un muro invalicabile, che sventa un paio di situazione gettandosi a peso morto.

Bonucci 6,5 Ordinato, senza fronzoli, concreto.

Cuadrado 7 Il goal che chiude la gara è un gioiello che solo il regista aggiunto della Juve può confezionare. Non ci sono più aggettivi per definirne l’importanza.

Pellegrini 6 Un’altra prova di sostanza del terzino mancino, che è costretto a chiudere il cambio per un problema al polpaccio.

Rabiot 5,5 Discreto in fase propulsiva, ma troppo distratto quando c’è bisogno di mostrare gli artigli: perde un paio di palloni sanguinosi che innescano pericolose ripartenze del Bologna. Gli manca sempre quel quid.

Arthur 6 Allegri gli chiede di smistare il pallone più velocemente, e il brasiliano lo accontenta non traccheggiando troppo. Viene sostituito nel momento di massima spinta del Bologna, ma non sfigura affatto. Anzi.

Mckennie 6 Prestazione senza infamia e senza lode.

Bernardeschi 6,5 Illuminante l’assist che porta al goal di Morata; nel complesso, una buona partita nelle due fasi, in quanto abbina qualità e quantità, raddoppiando costantemente i portatori di palla avversari.

Morata 7: Goal, sacrificio, corsa e lucidità nei momenti topici: vince costantemente il mis-match contro Medel, e mette la sua firma per la seconda volta consecutiva.

Kean 6: Niente di trascendentale, ma i suoi movimenti mettono in apprensione la difesa rossoblu. Sbaglia qualche appoggio di troppo.

Juventus: Szczesny, De Ligt, Bonucci, Pellegrini (’60 Alex Sandro), Cuadrado, Rabiot, Mckennie (’72 Bentancur), Arthur (’60 Locatelli), Morata, Kean (’72 Kulusevski), Bernardeschi.