Juventus-Napoli, recupero lampo del big | Arriva la conferma

0
24

Juventus-Napoli, il centravanti dovrà in ogni caso tornare in Italia per effettuare l’ultimo controllo prima di ripartire per il Camerun.

Mancano oltre dieci giorni al match clou della prima giornata di ritorno tra Juventus e Napoli, ma si respira già un infuocato clima partita. A tenere banco sono le probabili assenze tra i partenopei, tra Covid-19 e Coppa d’Africa. Polemiche che in realtà si protraggono dalla scorsa estate, dal momento del sorteggio dei calendari. Perché la squadra di Luciano Spalletti si presenterà all’Allianz Stadium sicuramente rimaneggiata.

Osimhen ©️Getty Images

Mancheranno sicuramente tre pezzi da novanta come Koulibaly, Anguissa e Osimhen, praticamente la spina dorsale degli azzurri. Tutti impegnati nella kermesse in programma in Camerun, nel loro continente d’origine. Poi c’è il virus, che potrebbe proibire a Insigne e Fabian Ruiz – al momento i due giocatori positivi del Napoli – di prendere parte al match.

Leggi anche: “Juventus non accettabile”: la bordata di Vieri fa il giro del web

Juventus-Napoli, Osimhen potrebbe scendere in campo a Torino

Osimhen ©️Getty Images

Eppure, ecco il colpo di scena che non ti aspetti. L’attaccante nigeriano, al momento in Nigeria con la sua famiglia, potrebbe clamorosamente essere in campo a Torino il 6 gennaio, posticipando così il suo sbarco in Camerun. Osimhen, infatti, dovrà comunque tornare a Napoli nei prossimi giorni per effettuare l’ultimo controllo e certificare il definitivo recupero dall’infortunio al volto che lo ha costretto a saltare tutti gli impegni dell’ultimo mese.

Dell’eventualità se n’è parlato a Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma con Oma Akatugba, membro dell’entourage del calciatore: “Alcuni club stanno chiedendo di ritardare l’arrivo dei giocatori in Africa dopo i primi di gennaio – ha spiegato – Victor sarebbe molto contento di giocare e vincere a Torino per poi partire per rappresentare la sua Nigeria. Non avrebbe problemi se la società glielo chiedesse”.