Calciomercato Juventus, cessione De Ligt: la verità sui conti del Barcellona

0
51

Le parole di Mino Raiola dei giorni scorsi trovano totale supporto dalle mosse che il Barcellona sta preparando per giugno.

L’olandese De Ligt © Lapresse

Ecco cosa c’era dietro alle parole di Mino Raiola dei giorni scorsi. Il super agente annunciò nei fatti l’addio di De Ligt alla Juventus con i suoi soliti modi che con sei mesi di anticipo danno l’idea delle manovre estive. «E’ pronto per un nuovo passo, credo che lo pensi anche lui – disse il 19 dicembre -. In Italia si dice: non puoi adorare Dio e il diavolo. Devi fare una scelta. Io lo faccio per i miei giocatori. Questo non significa che voglio distruggere i club, come molti pensano. Ci tengo a difendere i miei calciatori ed i loro interessi economici».

LEGGI ANCHE >>> JVL VIDEO | Calciomercato Juventus, “sacrificio” Kulusevski: scambio con l’ex

Calciomercato Juventus, De Ligt al Barcellona? Come stanno le cose

Raiola ©Lapresse

Il Barça cerca un difensore per il suo futuro – Piqué è su questi schermi dagli anni Zero e presto sarà (solo) un businessman in carriera – ed è tornato a mettere l’olandese in cima alla sua lista. Già visto. Quando l’ex capitano dell’Ajax arrivò in Italia è stata prevista una clausola da 125 milioni, valida per qualunque club si accordi col giocatore. Negli ultimi giorni si è parlato molto di una clausola “speciale” ridotta, da 75 milioni, valida soltanto per il Barcellona. Una clausola che però non risulta essere inserita nell’accordo del 2019. E allora? E allora la palla è a De Ligt e al Barcellona, molto più che alla Juventus. Una certezza, intanto: a gennaio non succederà nulla. E bisogna vedere a giugno – aggiunge la Gazzetta dello Sport -. A gennaio i media spagnoli hanno pubblicato i dati dell’esercizio chiuso al 30 giugno 2020. Il numero più impressionante: debiti per 1.173 milioni di euro. Il prestito da 595 milioni ottenuto da Goldman Sachs, da restituire in tre anni, non può ovviamente essere la soluzione di tutti i problemi e non cambia il punto di partenza: il Barcellona è la squadra con i conti peggiori d’Europa.