Juventus-Udinese, Allegri: “Altra assenza, torna dopo la sosta” | “Carezza” a Dybala

0
612

Allegri in conferenza stampa prima di Juventus-Udinese: ecco quanto dichiarato dal tecnico livornese alla vigilia della sfida di campionato.

Una sfida dal sapore particolare quella che vedrà la Juventus affrontare l’Udinese, in uno degli anticipi della terza giornata del Campionato di Serie A.

Juventus-Udinese Allegri
Max Allegri @LaPresse

I bianconeri infatti, sebbene rinfrancati dai quattro punti ottenuti contro Napoli e Roma, sono reduci dal k.o. al fotofinish contro l’Inter, che è costata la Supercoppa Italiana. Ferita che Max Allegri dovrà essere molto bravo a “ricucire” e tramutare in carica positiva, in vista dei prossimi impegni ravvicinati che rappresenteranno un banco di prova importante per la stagione della “Vecchia Signora”, che farà il proprio debutto anche in Coppa Italia. Aspetti affrontati da Max Allegri nella conferenza stampa di presentazione. Ecco le sue parole:

“Non è una questione di reazione, il campionato è un percorso diverso: affrontiamo una squadra fisica, che difende molto bene. Bisognerà avere molta pazienza, in una partita in cui dovremo avere molta precisione tecnica e invertire il trend con le piccole.

Domani sicuramente ci saranno cambiamenti, venivamo dalla partita di Roma, fortunatamente stiamo tutti abbastanza bene, tranne Danilo e Bonucci che nella giornata di ieri ha avuto un piccolo risentimento e lo avremo dopo la sosta. La rosa della Juventus è questa, con cui provare ad arrivare nei primi quattro, passare il turno in Champions: martedì abbiamo la Coppa Italia, stiamo crescendo come squadra, stiamo lavorando bene con il massimo impegno per cercare di ottenere il massimo dei risultati e quindi dobbiamo restare soltanto sereni.

L’Inter è la squadra più forte del campionato, continuando quello che hanno fatto l’anno scorso: gli scontri diretti sono una storia a sé. Dobbiamo essere bravi nelle piccole partite, dove mancano gli spazi e c’è meno attenzione. La squadra sta mettendo l’impegno massimale, la squadra con l’Inter ha fatto molto bene, dovevamo migliorare nel momento decisivo, quando siamo andati in vantaggio, potevamo costruire meglio le azioni negli ultimi 30 metri, la squadra ha fatto bene contro un’ottima Inter, la prestazione del goal-non goal non cambia il giudizio sulla squadra.

Per quanto riguarda i contratti, se ne occupa la società. Dybala l’ho cresciuto io, quando è arrivato dal Palermo ed era un bambino. Ora è un giocatore straordinario, che ha qualità tecnica: nella prima parte lo abbiamo avuto meno, i aspetto molto nella seconda parte della stagione da lui: Paulo è un grande calciatore.”

Juventus-Udinese, le parole di Allegri in conferenza

Max Allegri @LaPresse

Allegri ha poi continuato: “Pellegrini ha ripreso, è pronto e domani potrebbe giocare dall’inizio. Rientra Cuadrado dall’inizio, abbiamo De Sciglio ed Alex Sandro che ha fatto una bella partita da un punto di vista di abnegazione difensiva: poi ha fatto quell’errore e può capitare. Rientra Szczesny e ho un dubbio tra Kulusevski e Bernardeschi: domani i cambi dovranno determinare la partita, e dovrò cercare di miscelarli.

Sull’aspetto delle scadenze contrattuali: “Una cosa normale: in tutti i lavori, quando ci sono i manager di azienda che arrivano a fine contratto, non è che si impegnano meno o lavorano meno. Il calcio è sempre basato sul terreno verde, bisogna entrare in campo e fare, ci sono anche le decisioni dei giocatori, però fino alla fine devono comunque giocare. Se vai in campo e vai male, non trovi il contratto né alla Juve né da un’altra parte. Se poi fai bene, ti metti nella parte della forza contrattuale, uno può essere a scadenza o no, non cambia niente. Se sei a scadenza può essere anche a tuo favore, è sempre esistito, perché vogliono trovare motivazioni.

Mckennie più che punto fermo, si muove tanto: l’altra volta ha fatto 16 km, non possiamo giocare partite sotto ritmo, bisogna giocare con grande rispetto dell’avversario, questo sì. La partita più bella è stata quella di Madrid (vinta 3-1), anche quella di Monaco, quella di Londra con il Tottenham. Pensavo di ritrovare Chiellini tra una decina di giorni: giocano De Ligt e Rugani. L’Inter è la rosa più forte del campionato, l’anno prossimo, vedremo. Poi quando giochi le partite secche, viene fuori l’orgoglio della Juventus, sono contento di quello che hanno fatto i ragazzi, l’errore di Alex Sandro non se lo aspettava nessuno. Il campionato comunque alla fine premia chi dimostra più forte.”

Juventus-Udinese, la conferenza stampa di Allegri

Allegri @LaPresse

Su Rabiot: “Contro l’Inter ha fatto una buona partita, in uno contro uno contro Barella che ha sovrastato. Un giocatore votato al sacrificio, è in crescita.”

In 20 anni sono stato squalificato due volte: alla fine della gara contro il Napoli ho detto due cose all’arbitro, sbagliando, ma concedetemelo, sono umano anch’io. Bonucci pagherà la multa: la Juventus è sempre rispettosa verso tutti. Ne approfitto per dire che Doveri ha arbitrato una gran bella partita.”