Voti Genoa-Juventus 2-1, Dybala illumina | Fiocca anche un 3

0
684

Pagelle Genoa-Juventus e voti: l’analisi della prestazione fornita dagli uomini di Max Allegri. TOP e FLOP della gara.

Da pochi istanti si è conclusa la sfida di “Marassi” tra il Genoa e la Juventus, che si è concluso sul risultato di 2-1 in virtù delle reti messe a segno da Dybala e Gudmunsson, e dal rigore di Criscito nel finale.

Paulo Dybala, Dusan Vlahovic ©LaPresse

Dopo una prima frazione di gioco avari di sostanziali emozioni, accesa da un’occasione sciupata da Mouse Kean e da un paio di mischioni nell’area di rigore presidiata da Szczesny, la contesa si accende nella ripresa con la perla di Paulo Dybala. La “Joya” cresce alla distanza, e come contro il Sassuolo, dà un saggio delle sue qualità trovando l’angolino con una conclusione a fil di cotone. Pessima la prova di Moise Kean, che in occasione del goal dell’argentino con caparbietà va a recuperare un pallone che sembrava perso, e che fornisce al sinistro vellutato del numero 10, ma che nel finale si divora l’impossibile. Bene  Bonucci, abile in un paio di situazioni a sventare potenziali occasioni di pericolo.

Voti Genoa-Juventus, Vlahovic non punge: male Cuadrado

Nuova prova incolore per Dusan Vlahovic, mai al centro del gioco e privo di rifornimenti importanti. Il serbo prova a far salire la squadra, ma molto spesso i compagni preferiscono affidarsi ad un fraseggio comodo e basso ritmo che non valorizza le qualità del numero 7. Arthur non incide, apparendo spaesato in entrambe le fasi; anche Cuadrado fuori ritmo. Rugani poco cattivo, così come De Sciglio, che non riesce mai a superare con continuità la metà campo avversaria: clamoroso l’errore che spiana la strada al pareggio genoano. Solito Rabiot: straboccante da un punto di vista fisica, ma ingenuo e distratto quando è il momento di allungare la gamba. Per personalità e voglia di imporsi, Miretti merita abbondantemente la sufficienza.

JUVENTUS (4-3-3) Szczesny 5,5, Cuadrado 5 (’59 Alex Sandro, Bonucci 6, Rugani 5, De Sciglio 3, Arthur 4 (’59 Zakaria 5) , Miretti 6,5 (’74 Bernardeschi 5,5), Rabiot 5, Kean 4, Dybala 7 (’80 Akè), Vlahovic 5,5 (’73 Morata 6)