Calciomercato Juventus, il semaforo verde è imminente: prezzo capolavoro

0
320

Calciomercato Juventus, la svolta è ormai dietro l’angolo: la distanza tra domanda ed offerta si è assottigliata.

Idee chiari, obiettivi mirati, piani ben consolidati. Gli uomini mercato della Juventus sanno piuttosto bene in che modo migliorare un organico che nella scorsa stagione ha palesato troppe lacune in alcuni settori nevralgici del campo, e dopo aver rinforzato in maniera importante il centrocampo, puntano ad incrementare il tasso di imprevedibilità anche sulle corsie laterali.

Kostic
Filip Kostic ©️Ansafoto

Un nome su tutti, Filip Kostic: l’esterno offensivo di piede mancino di proprietà dell’Eintracht Francoforte è considerato l’innesto ideale da Max Allegri. Il sì del diretto interessato è totale, il che non è affatto una mera banalità, viste le numerose offerte pervenute dalla Premier che avrebbero potuto far saltare il banco da un momento all’altro. Ed invece, Kostic vuole solo e soltanto la Juventus. Il saluto al suo pubblico all’uscita dal campo nel match contro il Bayern è sembrato a tutti un commiato d’addio; la decisione di non rinnovare il proprio contratto con l’Eintracht in scadenza nel 2023 è prova provata della volontà di cambiare aria e spiccare il volo in un club più prestigioso.

Calciomercato Juventus, Kostic quel che Kostic: le ultimissime

Calciomercato Juventus
Filip Kostic ©LaPresse

La Juventus ha alzato in maniera importante il pressing. Per adesso non ancora in modo decisivo, ma sostanziale. Quanto basta, insomma, per legittimare una posizione di forza che i bianconeri si erano guadagnati sin dai primi sondaggi esplorativi di fine giugno, quando l’ipotesi Kostic sembrava configurarsi come una mera alternativa in un ventaglio importante di nomi. Stando a quanto riferito da Mirko di Natale, si segnalano nuovi colloqui nelle prossime ore tra Juve ed Eintracht per provare a definire il passaggio di Kostic alla “Vecchia Signora”: la richiesta dei tedeschi si attesterebbe sui 15 milioni più bonus, cifra più bassa rispetto ai 20 milioni di euro richiesti fino a qualche settimana fa.