Juventus, oltre il danno la beffa: la comunicazione del VAR alla Lega

0
4923

Juventus, è scoppiato il caos alla fine del match con la Salernitana: dubbi sulla posizione di Candreva al momento del gol di Milik.

Non è riuscita a voltare pagina, la Juventus. Contro la Salernitana, nel posticipo domenicale dell’Allianz Stadium, i bianconeri si sono dovuti accontentare di un punticino striminzito. Come a Firenze la scorsa settimana. Le altre, invece, pur soffrendo hanno vinto tutte: Inter, Milan e Napoli, ma potrebbe allungare anche la Roma, stasera impegnata ad Empoli. I bianconeri continuano dunque a rimandare l’appuntamento con la vittoria: i tre punti avrebbero fatto comodo, proprio perché in vista di una match dall’importanza cruciale come quello con il Benfica – in programma mercoledì – in cui Massimiliano Allegri e i suoi uomini si giocheranno una buona fetta di qualificazione.

L’allenatore livornese può essere soddisfatto per la reazione che la Juventus ha avuto nel secondo tempo, ma ci sono ancora troppe cose che non convincono. “Montagne russe”, come le ha definite Leonardo Bonucci a fine partita, che non possono essere così frequenti.

Juventus, la Gazzetta: “Il Var ha preso in considerazione la linea ma senza mostrarla al pubblico”

©️Ansafoto

L’incontro di campionato contro i granata di Davide Nicola in ogni caso si porterà dietro una lunga scia di polemiche per il gol del 3-2 di Milik, prima convalidato e poi annullato nei minuti di recupero dall’arbitro Marcenaro in seguito alla revisione al Var. Una decisione che si fatica a capire e che non è stata assolutamente digerita né dalla dirigenza né dal mondo Juve. Sul colpo di testa dell’attaccante polacco, infatti, Bonucci salta ma non tocca la palla. E poi c’è la posizione alquanto dubbia del centrocampista della Salernitana Candreva, lontano dall’azione, che sembra tenere in gioco il difensore. Un fotogramma che a fine match è diventato virale, al punto che in tanti si sono chiesti se gli assistenti se ne fossero accorti. Come riporta la Gazzetta dello Sport, infatti, la Lega sostiene che il Var avrebbe preso in considerazione la “linea allargata” anche se non l’ha mai mostrata al pubblico.