Calciomercato Juventus, 90 milioni per non vederne una: Allegri ‘colpevole’

0
82

Calciomercato Juventus, 90 milioni per non vederne una: Allegri ‘colpevole’.

Quando sono già trascorse ben sei giornate di campionato, sebbene non in maniera definitiva, ma è già ora di tirare qualche conclusione in merito agli acquisti che le diverse squadre hanno fatto nel mercato estivo e valutare quindi se gli investimenti che si è scelto di fare si stanno rivelando fruttuosi o se sarebbe stato meglio utilizzare quei soldi in altri modi.

Calciomercato Juventus
©LaPresse

In casa Juventus sono molti gli acquisti che sono stati fatti in questa finestra di mercato, tra cui Bremer, Di Maria, Paredes, il non ancora pervenuto Pogba etc. Ma tra gli ultimi arrivati c’è anche Dusan Vlahovic, perchè egli ha solamente sei mesi in più di esperienza rispetto ai sopracitati compagni. Il centravanti serbo, prelevato dalla Fiorentina nella scorso mercato invernale con grandissimo entusiasmo per via delle sue eccellenti prestazioni con i Viola, non sta convincendo pienamente la tifoserie bianconera tanto che tra i centravanti chi nelle ultime partite si sta facendo notare è Milik, che teoricamente dovrebbe essere una seconda scelta rispetto a lui.

Calciomercato Juventus, preoccupa l’involuzione di Vlahovic

Juventus-Salernitana
Dusan Vlahovic ©LaPresse

Sebbene Vlahovic abbia già segnato 4 goal in queste prima 6 giornate (3 dei quali su calcio da fermo, anche se le due pennellate d’autore contro Roma e Spezia non possono di certo essere trascurate) è il livello delle sue prestazioni a preoccupare. Dv9 è apparso in tante circostanze frenetico, come se avvertisse in modo particolare questa patina di mediocrità che aleggia in maniera sempre più opprimente in casa Juve. Il gigante serbo sta attraversando un periodo di difficoltà e non riesca più ad essere quell’attaccante decisivo che ha infiammato la tifoseria fino a questo momento. Insomma, una preoccupante involuzione che i più ascrivono alla mancanza di gioco che in questo momento sta isterilendo in maniera traumatica le vie di gioco bianconere, per la quale Allegri sembra giocare un ruolo tutt’altro che banale.