Juventus, condizioni Vlahovic: il ct della Serbia esce allo scoperto

0
126

Juventus, il commissario tecnico Stojkovic ha parlato a meno di ventiquattr’ore dalla sfida decisiva con la Svizzera. 

Quella in corso è senza dubbio una delle peggiori settimane dai nefasti tempi di Calciopoli per la Juventus. Momenti che la tifoseria bianconera si augurava francamente di non rivivere più. La situazione è diversa da allora ma le preoccupazioni sul futuro del club non sono poche. In tanti si domandano, in maniera alquanto lecita, se possa scattare qualche sanzione dopo le notizie che stanno venendo fuori in queste ore, seguite alle dimissioni di tutto il Consiglio d’amministrazione, incluse quelle dell’ex presidente Andrea Agnelli.

Juventus, condizioni Vlahovic: il ct della Serbia esce allo scoperto
Stojkovic ©️Ansafoto

In attesa che si faccia maggiore chiarezza, Massimiliano Allegri e i suoi uomini proveranno a concentrarsi esclusivamente sulle questioni inerenti al campo. Ci si ritroverà alla Continassa il prossimo 6 dicembre per riprendere gli allenamenti. E non si sa se tra i giocatori che si raduneranno ci sarà anche Dusan Vlahovic. Il centravanti serbo si giocherà il tutto e per tutto con la sua Serbia nel match da dentro o fuori di domani sera con la Svizzera: nel caso in cui non arrivasse la vittoria, la sua nazionale verrà eliminata.

Juventus, Stojkovic: “Dusan sta meglio, adesso può darci una mano”

Juventus, condizioni Vlahovic: il ct della Serbia esce allo scoperto
Vlahovic ©️LaPresse

Nel frattempo per Vlahovic si prospetta un’altra panchina. L’ex Fiorentina finora non è mai partito titolare a Qatar 2022 a causa dei problemi fisici che l’hanno tormentato durante gli ultimi due mesi, nei quali ha saltato diverse partite anche con la Juventus. La pubalgia, infatti, è uno degli infortuni più fastidiosi per un calciatore e non è semplice da curare. O perlomeno non passa in tempi brevi. Questo il motivo per cui il commissario tecnico Dragan Stojkovic gli sta preferendo Aleksandar Mitrovic, cannoniere del Fulham.

A poco meno di ventiquattr’ore dalla sfida con la Svizzera, tuttavia, il selezionatore della Serbia è tornato a parlare delle condizioni dell’attaccante bianconero. E sembrano esserci motivi per tornare a sorridere. “Dusan sta molto meglio rispetto a quando siamo arrivati – ha spiegato – Sono convinto che possa darci una mano perché è pronto a giocare”.