Firma e fascia da capitano, altro che retrocessione: “Juventus senza Europa”

0
349

Firma e fascia da capitano, la possibile mossa della società bianconera per convincerlo a restare. “Potrebbe cambiare idea”.

In tanti si chiedono cosa deciderà di fare a fine stagione. Se accetterà senza riserve oppure se dirà il più classico degli “arrivederci e grazie”, prendendo la valigia e alzando i tacchi. Direzione Inghilterra? Probabile, visto che già la scorsa estate le “sirene” d’oltremanica l’avevano tentato. Fatto sta che l’incertezza è totale riguardo al suo futuro.

Firma e fascia da capitano, altro che retrocessione: “Juventus senza Europa”
©️Ansafoto

Il soggetto in questione è Adrien Rabiot, ormai diventato un insostituibile per la Juventus e per il suo allenatore Massimiliano Allegri. Il rendimento del centrocampista francese migliora di partita in partita e la Signora sta provando in tutti i modi a convincerlo a rifirmare. Sì, perché Rabiot è uno dei giocatori in scadenza di contratto, che la Juve potrebbe perdere molto presto. E sarebbe un vero peccato, visto che l’ex Psg sta facendo vedere solo adesso di cosa sia capace, dopo tre anni di prestazioni deludenti, che non potevano giustificare quel contratto di oltre sette milioni di euro all’anno.

Firma e fascia da capitano, Vaciago: “Per Rabiot non è detta l’ultima”

Secondo il direttore del quotidiano torinese Tuttosport Guido Vaciago, intervenuto oggi ai microfoni di Calciomercato.it nella trasmissione Tvplay in onda su Twitch, non tutto è perduto. Esiste una possibilità che Rabiot possa decidere restare nel capoluogo piemontese.

Firma e fascia da capitano, altro che retrocessione: “Juventus senza Europa”
Rabiot ©️Ansafoto

“Potrebbe cambiare idea, se gli venisse offerta magari anche la fascia di capitano, ha detto il giornalista, delineando uno scenario con la Juventus fuori dalle coppe a causa di eventuali ulteriori penalizzazioni. “Di Maria invece potrebbe rimanere anche senza la Champions League – ha spiegato Vaciago – “Lui sta bene a Torino e giocare altre gare in Champions, con la sua carriera, non credo gli cambi la vita”. Il direttore di Tuttosport ha poi parlato del rischio retrocessione. “Io credo che la Juventus non rischi la retrocessione. Io immagino una Juventus, forse senza Europa, ma io credo che ad alcuni calciatori interessi un progetto a lunga scadenza. Dovessero esserci dei danni economici enormi, non sappiamo quanto la Juventus dovrà pagare”.