Calciomercato Juventus, in estate c’è un bivio per tre

0
271

La Juventus sta dando il massimo in questa seconda parte della stagione ma intanto devevl già pensare al futuro.

Tra campionato e coppe la formazione allenata da Massimiliano Allegri sta scendendo in campo con una grande frequenza. L’obiettivo è vincere, sempre e comunque, per cercare di raggiungere i traguardi che sono stati prefissati.

Calciomercato Juventus, in estate c'è un bivio per tre
La Juventus guarda già al futuro @LaPresse

Ci sarà a breve una sosta ma molti giocatori bianconeri saranno impegnati con le rispettive nazionali, dunque difficile risparmiare qualche energia. Siamo nella fase cruciale della stagione e i tifosi si augurano di ricevere qualche soddisfazione. Così come si augurano di poter vedere in estate volti nuovi a Torino. La Juventus infatti cambiare senz’altro alcuni elementi della sua rosa, viste le partenze che ci sono all’orizzonte. Dunque le prossime settimane saranno molto importanti per capire su quali calciatori il club punterà nella prossima stagione. Molto dipenderà dal rendimento che la squadra avrà.

Juventus, novità in vista per il centrocampo del futuro?

Le valutazioni finali la dirigenza non dovrà farle solamente sugli uomini che attualmente fanno parte della rosa, ma anche sui calciatori che attualmente si trovano in prestito altrove. Perché potrebbero ritagliarsi spazio nella Juventus del futuro.

Calciomercato Juventus, in estate c'è un bivio per tre
Ranocchia con la maglia del Monza @LaPresse

I bianconeri vedranno il ritorno di tre mediani in estate che stanno disputando, chi più chi meno, una stagione positiva. Stiamo parlando di Ranocchia (oggi al Monza), Nicolussi Caviglia ora impegnato con la Salernitana e di Rovella, anche lui a Monza. La Juventus deve decidere su un loro possibile ritorno in pianta stabile, altrimenti non è da escludere che possano essere ceduti altrove, specie se arriveranno offerte convincente. Il club però vuole puntare sulla linea verde, lo ha dimostrato anche in questa stagione, per cui è probabile rivederli in ritiro. Con l’allenatore chiamato a dare poi la valutazione finale.