Accordo in Serie A con Rabiot: epilogo clamoroso

0
270

Accordo in Serie A con Rabiot, il retroscena sul possibile affare: “Con la madre-agente arrivammo a litigare”.

La prossima sarà una settimana particolarmente impegnativa per la Juventus. I bianconeri affronteranno il Sassuolo sabato alle 18 al Mapei Stadium ma torneranno in campo tre giorni dopo per sfidare il Lecce (h 20:45) nel primo turno infrasettimanale della stagione.

Accordo in Serie A con Rabiot: epilogo clamoroso
Rabiot – Juvelive.it (Ansa)

Il primo impegno ravvicinato per la squadra di Massimiliano Allegri, che quest’anno non gioca alcuna competizione europea e può concentrarsi solo su campionato e coppa nazionale. L’obiettivo della Signora è dare continuità alla bella vittoria ottenuta sabato scorso ai danni della Lazio di Maurizio Sarri, battuta 3-1 allo Stadium. Il terzo successo nelle prime quattro giornate dopo quelli con Udinese ed Empoli. È una Juve diversa quella che abbiamo visto all’opera in queste prime uscite: una Juve affamata, più propositiva e che vuole archiviare il prima possibile ciò che è avvenuto lo scorso anno. In attesa di altri test probanti, al momento i bianconeri sembrano gli unici a poter tenere il passo di una scatenatissima Inter, unica ancora a punteggio pieno in Serie A.

Accordo in Serie A con Rabiot, Sabatini e quel retroscena sul francese

Uno dei grandi protagonisti della vittoria con i biancocelesti, ormai un intoccabile per Allegri è ovviamente Adrien Rabiot. Il centrocampista francese da un anno a questa parte ha alzato il livello fino a diventare un punto fermo.

Accordo in Serie A con Rabiot: epilogo clamoroso
Sabatini – Juvelive.it (Ansa)

In estate ha rinnovato per un altro anno. Poi, a giugno, se ne riparlerà, anche se la Juve sta provando a convincerlo a restare a Torino ancora a lungo. In passato l’ex Psg fu molto vicino alla Roma. Un retroscena gustoso l’ha raccontato il dirigente giallorosso di allora, Walter Sabatini, a Cronache di spogliatoio. “Una delle esperienze più amare che ho avuto è stata con la madre di Rabiot – ha detto – Ai tempi della Roma l’avevo praticamente preso a parametro zero. C’era già un accorso, ma, siccome il PSG un anno prima mi aveva dato ben 30 milioni per Marquinhos, io non ho ritenuto giusto portarlo via a zero, Arrivai al punto di dare un indennizzo al PSG ma quando la madre-agente l’ha saputo si è avvelenata. Abbiamo litigato e ho dovuto rinunciare”.