Allegri-Conte, si alza un grido nel cielo di Torino: “Ciclo vincente”

0
86

Missione sorpasso fallita per la Juventus ma i bianconeri hanno tutte le carte in regola per sognare in grande.

La conferma per il gruppo di Allegri è arrivata dal confronto diretto con l’Inter che si è giocato domenica sera. I bianconeri non sono riusciti a portare a casa l’intera posta in palio ma hanno tenuto botta contro la squadra che è la candidata numero uno per la conquista dello scudetto.

Allegri-Conte, si alza un grido nel cielo di Torino: “Ciclo vincente”
Massimiliano Allegri (LaPresse)

La Juventus rimane dietro in classifica ma ha confermato le sue qualità in questo scontro diretto e potrà dire la sua nel resto della stagione. Manca ancora del resto tantissimo alla conclusione del campionato di serie A e il calciomercato di gennaio potrebbe portare delle novità in casa bianconera. Mister Allegri attende sicuramente l’arrivo di un nuovo centrocampista, almeno uno, ma non sono da escludere degli innesti anche negli altri settori del campo. Giuntoli è già al lavoro da diverse settimane.

Juventus, Albanese a TvPlay: “Allegri concentrato sul campo”

Negli ultimi giorni si è tornati a parlare molto anche del futuro della panchina bianconera. Con Conte che è stato nuovamente indicato come erede di Allegri nella prossima estate. Una soluzione che non convince il giornalista Giovanni Albanese della Gazzetta dello Sport, che ha parlato ai microfoni della TvPlay.

Allegri-Conte, si alza un grido nel cielo di Torino: “Ciclo vincente”
Conte viene indicato come successore di Allegri (LaPresse)

“Le parole su Conte di questi giorni credo siano destabilizzanti. Allegri è completamente concentrato sul campo e la Juventus non è preoccupata del suo futuro, visto che il tecnico ha un contratto fino al 2025 e i risultati stanno dando ragione all’attuale progetto tecnico. Giuntoli ha riportato serenità e sta dando il suo contributo” sono le sue parole. Nessun ribaltone dunque in vista e nemmeno all’orizzonte, se i risultati saranno questi. “Cominciare un ciclo è difficilissimo e non è scontato, ma è quello che vuole fare la dirigenza e l’attuale staff tecnico” ha sottolineato il giornalista.