Offerte sul tavolo, la Juventus ha detto basta: svolta definitiva Yildiz

0
67

Offerte sul tavolo, le prodezze del giovane talento turco hanno fatto letteralmente impazzire i tifosi bianconeri. 

È già scoppiata la Yildiz-mania. Troppo presto? Forse, ma è difficile non entusiasmarsi dopo le recenti prestazioni del gioiellino turco, che da quando Massimiliano Allegri ha gettato nella mischia ha fatto innamorare i tifosi bianconeri.

Offerte sul tavolo, la Juventus ha detto basta: svolta definitiva Yildiz
Yildiz – Juvelive.it (Lapresse)

Ieri sera, contro la Salernitana di Pippo Inzaghi in Coppa Italia, il classe 2005 ha deliziato la platea dello Stadium con un’altra giocata sensazionale, per la quale gli addetti ai lavori hanno tirato in ballo paragoni importanti, da Roberto Baggio ad Alex Del Piero, due giganti della storia della Juventus. Subentrato a Federico Chiesa ad inizio secondo tempo, Yildiz dopo aver propiziato l’autorete di Bronn, ha realizzato il quinto gol della Signora, seminando letteralmente il panico nella difesa granata. Quello che colpisce maggiormente non è la facilità nel dribblare gli avversari, saltati come birilli, ma la potenza con cui ha concluso verso la porta. Potenza che si era già notata in occasione del suo primo gol con la maglia della prima squadra, contro il Frosinone lo scorso 23 dicembre.

Offerte sul tavolo, Barillà: “È il perno del futuro”

È indubbio che il giocatore abbia ancora tanto da dimostrare ma le stimmate del campione si intravedono già adesso. Ora dipenderà tutto da lui.

Yildiz si è preso la Juventus: l'exploit del classe 2005 turco
Kenan Yildiz – Juvelive.it (Lapresse)

Il timore dei tifosi è che la Juventus si possa far ingolosire da un’offerta importante, magari dalla Premier League, visto che sulle tracce del giocatore che i bianconeri prelevarono dal Bayern Monaco un anno e mezzo fa ci sono già diversi top club europei. Secondo Antonio Barillà de La Stampa, tuttavia, la Signora è già pronta a blindare il suo gioiello.

“Yildiz è una categoria a parte – ha detto a TvPlaynon rientra tra i potenziali campioni che escono dalla seconda squadra perché è un top player. Non lo dico io ma chiunque abbia seguito il suo percorso da ragazzino sa che arriverà in alto e non si meraviglia del suo impatto in prima squadra. È uno di quei calciatori che nasce ogni 20 anni e non per niente la Juve ha già rifiutato delle offerte enormi per l’età che aveva e perché era quasi sconosciuto. Oggi vale già tantissimo ma la Juve non accetterà offerte da nessuno, è il perno del futuro e i sacrificati saranno altri. Soulé, ad esempio, a certe cifre può partire”.