Allegri porta a spasso l’Inter: le 2 frasi che accendono la corsa Scudetto

0
201

Allegri porta a spasso l’Inter. Alcune frasi del tecnico bianconero non sono piaciute ai nerazzurri. Parole che infiammano la corsa scudetto.

E’ il campionato delle sorprese. L’Inter non pensava che avrebbe avuto la Juventus come rivale più accreditata per la conquista della scudetto, così come la Juventus mai avrebbe immaginato di avere 49 punti in classifica dopo 20 giornate.

Allegri porta a spasso l'Inter
Massimiliano Allegri porta a spasso l’Inter (Foto ANSA) juvelive.it

Un campionato che, fin dalla scorsa estate, a campagna acquisti-cessioni terminata. ha avuto una squadra favorita: l’Inter. Almeno questo emergeva, in maniera evidente, ascoltando i giudizi ed i pronostici di coloro che vengono definiti ‘addetti ai lavori’.

Dopo l’Inter, Napoli e Milan riscuotevano i maggiori consensi. La Juventus, ed in primis il suo allenatore, hanno accettato volentieri questi pronostici ed il ruolo defilato nella corsa al tricolore. Un aspetto che Allegri ha rimarcato spesso nelle sue dichiarazioni.

E’ appena iniziato il girone di ritorno e la formazione di Simone Inzaghi sente ancora sul collo il fiato dell’inseguitrice bianconera che non molla la preda. In questo momento della stagione alcune frasi dell’allenatore bianconero vengono ‘interpretate’ parola per parola.

Allegri porta a spasso l’Inter e fa arrabbiare Marotta

Nelle sue interviste Massimiliano Allegri tocca spesso l’inevitabile argomento Inter. Lo fa con un approccio e con l’utilizzo di parole e metafore che spesso non vengono gradite sulle sponde dei Navigli.

Beppe Marotta
Beppe Marotta e le frasi non gradite di Allegri (Foto LaPresse) juvelive.it

Il tecnico livornese ha più volte ribadito il concetto che la squadra che la Juventus ha davanti, ovvero l’Inter: “è costruita da anni per vincere gli scudetti“.

Al termine della gara vinta contro il Sassuolo, il tecnico bianconero è ritornato sull’argomento riprendendo a piene mani la metafora della lepre utilizzata dall’amministrare delegato dell’Inter, Beppe Marotta, aggiungendo, però, un’altra ‘immagine’.

Noi cacciatori dello scudetto? Se c’è qualcuno davanti – ha tenuto a precisare il tecnico livornese – dietro c’è chi insegue…E’ un po’ come il gioco guardia e ladri, dove i ladri scappano e le guardie rincorrono“.

L’immagine lanciata da Allegri delle guardie che inseguono i ladri, soltanto pochi giorni dopo le polemiche sollevate da alcune decisioni degli arbitri che avrebbero favorito l’Inter, non mancherà di scatenare ulteriori polemiche. I social sono già in pieno fermento.

E la sfida continua.