Ritorno alla Juventus dopo otto anni: niente Bernardeschi, è lui il prescelto

0
38

Ritorno alla Juventus dopo otto anni, potrebbe essere lui il giocatore che andrà a rimpolpare il centrocampo bianconero.

Non è stato un mercato scoppiettante, quello che sta per concludersi, per una Juventus che ha preferito rimandare le operazioni più significative alla prossima estate. Quando, molto probabilmente, i margini di spesa saranno decisamente più ampi rispetto ad oggi. Il responsabile dell’area tecnica Cristiano Giuntoli si è limitato a tappare qualche “buco”.

Ritorno alla Juventus dopo otto anni: niente Bernardeschi, è lui il prescelto
– Juvelive.it (Lapresse)

In difesa, per ora, è arrivato il difensore portoghese Tiago Djalò: transitato dalle giovanili del Milan, è sbocciato al Lille, in Ligue 1. E, dopo alcune ottime stagioni nel massimo campionato francese, a giugno sarebbe andato in scadenza di contratto. Un’opportunità che l’ex direttore sportivo del Napoli ha voluto cogliere al volo, battendo la concorrenza dell’Inter, che da tempo era sulle tracce del calciatore lusitano. Il reparto che ha maggiore necessità di innesti, tuttavia, rimane indubbiamente il centrocampo. Non arriverà Teun Koopmeiners, il gioiello dell’Atalanta a cui con ogni probabilità la Juventus darà l’assalto nella prossima sessione di mercato ma bisognerà accontentarsi di una soluzione low cost.

Ritorno alla Juventus dopo otto anni, ancora viva la pista che conduce a Pereyra

Si sta parlando con una certa insistenza di Giacomo Bonaventura della Fiorentina: alla Juve piace parecchio l’esperto centrocampista viola ma non è un’operazione semplice.

L’altro nome sulla lista di Giuntoli, se l’affare con la Viola non dovesse andare in porto nei prossimi due giorni, è quello di Roberto Pereyra dell’Udinese. Per l’argentino si tratterebbe di un ritorno, visto che ha vestito la maglia bianconera dal 2014 al 2016. Il Tucu è legato alla società friulana da un contratto annuale, che scadrà a giugno: per privarsene l’Udinese ha chiesto alla Juventus 3-4 milioni di euro, come riporta Tuttomercatoweb.com. Il tecnico Gabriele Cioffi lo considera imprescindibile per arrivare ad una salvezza che, al momento, non è sicura, alla luce della posizione precaria di classifica.