Calciomercato Juventus, non solo Alcaraz: l’addio sblocca l’acquisto last minute

0
43

Calciomercato Juventus, Alcaraz arriverà domani a Torino, ma non è ancora finita: l’acquisto al fotofinish.

Con l’arrivo di Carlos Alcaraz, la Juventus ha già in parte risolto i problemi a centrocampo. L’argentino arriverà in prestito con diritto di riscatto dal Southampton. Si è già sottoposto alle visite mediche in Inghilterra e nella giornata di domani dovrebbe atterrare a Torino e iniziare ad allenarsi con la maglia bianconera.

Calciomercato Juventus, non solo Alcaraz: l'addio sblocca l'acquisto last minute
Giuntoli – Juvelive.it (Lapresse)

Non è tutto, però. C’è bisogno di qualche accorgimento ancora a centrocampo ed è per questo motivo che il club si sta guardando intorno, in cerca di un altro colpo che possa permettere ad Allegri di completare il reparto nel migliore dei modi. E qualcosa che bolle in pentola c’è già, per la verità. Si vocifera di un affare last minute e sarebbero due, secondo le indiscrezioni, i profili attenzionati da Giuntoli e Manna.

Uno è Giacomo Bonaventura, mentre l’altro è Roberyo Pereya. Relativamente al primo, il problema è la trattativa vera e propria. Vincenzo Italiano, allenatore viola, non vorrebbe perdere l’uomo che reputa più in forma tra tutti i giocatori della Fiorentina, mentre il giocatore, dal canto suo, sembrerebbe molto interessato alla proposta del club bianconero. La Juventus ha messo sul piatto un contratto da 18 mesi con opzione, ma è sul fronte economico che il club dovrà sforzarsi, se vuole trovare l’intesa con la società di Commisso.

Calciomercato Juventus, altri due nomi sul piatto

Ben consapevoli del fatto che non sarà facile addivenire ad un accordo, i bianconeri hanno già pronto un eventuale piano B. L’acquisto di Pereya sarebbe praticamente a costo zero e anche lui, come Bonaventura, non disdegna l’idea di un futuro ai piedi della Mole.

nicolussi caviglia juventus
Nicolussi Caviglia @La presse foto – juvelive

All’Udinese non è più centrale e la scorsa estate, come si ricorderà, era rimasto svincolato a lungo prima che i friulani si interessassero a lui. Anche in questo caso, tuttavia, c’è il problema soldi da aggirare. La Juve non offrirà mai, perché ora come ora non può, i 3 milioni che occorrono per assicurarsi il Tucumano, a meno che, s’intende, parallelamente non lasci andare qualcun altro.

Ecco spiegato, quindi, perché i destini di Pereyra e Bonaventura si intreccino, inevitabilmente, con quello di Nicolussi Cavaglia, che sarebbe la pedina da muovere per sbloccare la situazione. Ambito com’è dalle altre squadre, prima fra tutti la Salernitana, potrebbe essere usato come “merce di scambio”, nel caso in cui dovesse effettivamente lasciare Torino. Purché accada tutto alla velocità della luce, visto che il tempo, a questo punto, stringe e pure parecchio.