Offerta rifiutata da Szczesny: restyling totale Juventus

0
35

Sta per arrivare un giorno molto importante per la Juventus di Massimiliano Allegri, che si appresta ad affrontare l’Inter.

Quella contro nerazzurri che si giocherà domani sera sarà una partita chiave di questo campionato di serie A. In palio ci sono non solo tre punti d’oro per la classifica ma anche per le motivazioni psicologiche che spingeranno le due squadre alla ricerca del successo.

Offerta rifiutata da Szczesny: restyling totale Juventus
Szczesny (LaPresse)

Inter e Juventus saranno le due formazioni che si contenderanno lo scudetto fino al termine di questo torneo. La squadra di Inzaghi è ovviamente favorita in virtù di una rosa maggiormente assortita, ma i bianconeri sono intenzionati a vendere cara la pelle, complici anche gli ultimi innesti. Il calciomercato dei torinesi deve essere senz’altro valutato positivamente. Sarà poi nel corso della prossima estate che il club effettuerà altri investimenti importanti, potendo magari contare sui soldi che potrebbero entrare in cassa con la qualificazione alla prossima edizione della Champions League in tasca.

Juventus, no di Szczesny al rinnovo: i bianconeri pronti alla rivoluzione

A proposito di investimenti importanti, questi potrebbero essere necessari per rinnovare totalmente il pacchetto dei portieri a disposizione. Questo è lo scenario che potrebbe accadere secondo la Gazzetta dello Sport. Valutazioni in corso da parte della dirigenza, ecco perché.

Offerta rifiutata da Szczesny: restyling totale Juventus
Wojciech Szczesny pronto a lasciare la Juventus? (LaPresse)

Il quotidiano rosa spiega infatti che il portiere titolare Szczesny ha rifiutato la proposta della Juventus di rinnovare il contratto spalmando il suo attuale ingaggio. Dunque il suo futuro potrebbe tornare in bilico già nei prossimi mesi. Il polacco ha un accordo in scadenza nel 2025, proprio come gli altri due estremi difensori Pinsoglio e Perin. Tutti loro hanno superato i trent’anni, quindi nel corso dell’estate non sono già da escludere dei movimenti che potrebbero portare quanto meno ad un rinnovamento, se non ad una rivoluzione, dei portieri in rosa.